La politica russofoba della Polonia è controproducente per Varsavia

La politica russofoba della Polonia è controproducente per Varsavia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nessun paese è più sconvolto della Polonia dal presidente degli Stati Uniti Biden che ha permesso passivamente di terminare la costruzione del gasdotto Nord Stream II con appena la più superficiale delle sanzioni. I suoi rappresentanti hanno descritto il progetto sia come una minaccia alla sicurezza energetica sia, più recentemente, anche come "una bomba a posta sotto l'integrazione europea" a causa della convinzione di Varsavia che Mosca chiuderà capricciosamente il rubinetto ai suoi clienti occidentali. La grande potenza eurasiatica non farebbe mai una cosa del genere poiché è probabilmente altrettanto dipendente dai suoi clienti quanto lo sono loro dalla Russia, se non di più considerando la sua sproporzionata dipendenza di bilancio da tali vendite di energia, di cui la Polonia è ben consapevole.

Ciò che preoccupa di più Varsavia, tuttavia, è che Mosca e Berlino potrebbero "colludere" tra loro per "gestire" congiuntamente lo spazio geostrategico dell'Europa centrale e orientale (CEE) del quale la Polonia prevede di diventare il leader regionale attraverso la "Three Seas Initiative" (3SI) che guida così come il nucleo del “Triangolo di Lublino”. La Polonia aveva finora basato quasi tutta la sua recente politica estera sulla rielezione dell'ex presidente degli Stati Uniti Trump a causa del suo desiderio di fermare il Nord Stream II per costringere l'Europa ad acquistare il più costoso GNL statunitense. Ha anche apprezzato il suo sostegno al 3SI, che ha irritato la Germania perché Berlino è categoricamente contro la Polonia che mostra i suoi muscoli geopolitici nella CEE.

Nel perseguimento del suo obiettivo di impedire alla Polonia di riguadagnare il suo storico status egemonico regionale e forse persino di espanderlo oltre la sua precedente "sfera di influenza", la Germania ha intrapreso una guerra ibrida in corso contro la Polonia intesa a rovesciare il suo governo nazionalista conservatore. Anche l'amministrazione Biden sembra perlomeno poco favorevole alle attuali autorità polacche, se non silenziosamente ostile anche se solo per semplici ragioni ideologiche. Tuttavia, sia la Germania che gli Stati Uniti apprezzano la Polonia per aver svolto un ruolo di primo piano nella guerra ibrida dell'Occidente contro la vicina Bielorussia, che avanza verso obiettivi di politica estera anti-russi molto importanti. Varsavia non sta facendo questo solo per compiacerli, ma come parte delle sue ambizioni egemoniche attraverso il 3SI.

Il problema per la Polonia è che ha già bruciato tutti i suoi ponti con la Russia, quindi è incapace di bilanciarsi realisticamente con Mosca contro una Berlino sempre più ostile e forse presto anche una Washington altrettanto ostile. Le ultime due si comportano da “nemici” essendo “cordiali” in pubblico ma estremamente perniciosi dietro le quinte. La guerra ibrida della Germania alla Polonia attraverso il suo sostegno all'opposizione liberal-globalista della Rivoluzione colorata si abbina perfettamente a ciò che la Polonia considera il cosiddetto "tradimento" degli Stati Uniti attraverso il Nord Stream II e i sospetti di Varsavia sui grandi motivi strategici di Washington in vista dell'imminente summit Putin-Biden per mettere la Polonia in una posizione molto svantaggiosa.

Il "nazionalismo negativo" del paese, che costruisce gran parte del suo nazionalismo contemporaneo esclusivamente attorno alle sue differenze (reali, immaginarie o esagerate) con la Russia, l'ha resa cieca alle carenze strategiche delle sue politiche precedenti e ha portato la Polonia a bruciare i suoi ponti con Mosca. La Polonia ha recentemente rafforzato la cooperazione militare con la Turchia attraverso un accordo sui droni da combattimento che potrebbe in futuro fornire alcune opzioni pragmatiche di bilanciamento considerando i problemi di Ankara sia con Berlino che con Washington, ma il paese dell'Asia occidentale non potrebbe mai pareggiare l'atto di bilanciamento di Varsavia come potrebbe fare un riavvicinamento con Mosca. Quest'ultima opzione è improbabile per i motivi sopra menzionati, ma rimane la più ottimale.

Se la Polonia dovesse mai essere in grado di smettere di intromettersi nel "vicino estero" della Russia (Bielorussia e Ucraina), allora in teoria si potrebbe ottenere una svolta, ma purtroppo è irrealistico aspettarsi questo dal paese poiché è convinto che la sua sicurezza nazionale dipende dal contrastare le forze amiche della Russia in quelle due nazioni. La Polonia come Stato è semplicemente troppo psicologicamente traumatizzata dalla sua storia con la Russia per fidarsi mai delle intenzioni strategiche di Mosca, circostanza sfruttata da Germania e Stati Uniti per trarre vantaggio da questo paese leader della CEE senza che i suoi leader nemmeno se ne rendessero conto fino a quando non era troppo tardi. Questo porta allo scenario peggiore per la Polonia.

La Polonia ora potrebbe dover affrontare la prospettiva di essere costretta dalle circostanze a trattare in modo pragmatico con la Russia se Biden farà progressi nel portare avanti una cosiddetta "Nuova distensione" durante il suo prossimo vertice con il presidente Putin. Mosca avrebbe in questo caso più carte di quante ne avrebbe Varsavia, poiché quest'ultima non potrà fare molto affidamento su Berlino o Washington a sostegno della sua politica estera russofoba destabilizzante a livello regionale. Allo stesso tempo, però, la Germania e gli Stati Uniti potrebbero continuare a spingere la Polonia a intromettersi nel "Vicino estero" della Russia, sperando che se qualcosa vada storto, le responsabilità possano essere scaricate interamente su Varsavia.

Per dirla senza mezzi termini, la Polonia è dannata in ogni scenario e questo irrita i suoi strateghi. Hanno scommesso rischiosamente tutto sulla rielezione dell'ex presidente degli Stati Uniti Trump, per vedere la loro intera grande strategia improvvisamente sabotata da Biden. Sono troppo immersi nelle loro operazioni di destabilizzazione russofoba regionale in Bielorussia e Ucraina per tirarsi indietro ora, senza "perdere la faccia" tra la loro gente, eppure anche una ricalibrazione pragmatica della loro politica potrebbe essere vista dai loro cittadini come se fosse stata fatta sotto la cosiddetta “coercizione geopolitica”, che potrebbe ridurre il sostegno interno del partito di governo tra alcune forze nazionaliste. Sebbene il partito al governo sia ancora piuttosto popolare, la sua coalizione potrebbe incrinarsi in futuro sotto tali pressioni straniere.

Queste considerazioni rendono molto difficile suggerire la linea d'azione ottimale per la Polonia poiché potrebbero esserci dei costi pesanti in entrambi i casi. Tutto sommato, però, sarebbe oggettivamente meglio se la Polonia iniziasse ad esplorare le opzioni per un incipiente riavvicinamento con la Russia anche solo per motivi di pragmatismo, magari cercando unicamente di accettare le cosiddette "regole di ingaggio" per "gestire" la loro concorrenza in Bielorussia e Ucraina. In ogni caso, la Polonia dovrebbe seriamente considerare di prendere l'iniziativa di avvicinare in modo indipendente la Russia senza l'approvazione della Germania o degli Stati Uniti poiché nessuno dei due paesi hanno consultato la Polonia per le mosse fatte di recente. Se la Polonia aspira alla leadership regionale, allora è il momento che inizi ad agire più come leader e meno come gregario.

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

"Gli affari di Letta" e la morte della politica di Paolo Desogus "Gli affari di Letta" e la morte della politica

"Gli affari di Letta" e la morte della politica

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

Alcune note scomode sul ddl Zan Alcune note scomode sul ddl Zan

Alcune note scomode sul ddl Zan

Ursula e i sette figli di Antonio Di Siena Ursula e i sette figli

Ursula e i sette figli

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo di Gilberto Trombetta Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti