La storia molto strana della guerra in Ucraina

La storia molto strana della guerra in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il professor Franco Cardini e il generale Fabio Mini hanno scritto un saggio molto informativo e sintetico sulla nazione più citata dai media in questo momento: “Ucraina. La guerra e la storia” (PaperFirst, 168 pagine, euro 13; con l’introduzione molto dirompente di Marco Travaglio).

Franco Cardini ha pienamente ragione quando ci ricorda “che almeno dal 2014 in Ucraina è in corso una crisi che minaccia di sfociare in una guerra civile, anzi, in alcune aree è già da tempo tale” (p. 24). Naturalmente si tratta di una guerra moderna che l’Occidente vuole ipocritamente combattere “fino all’ultimo ucraino, cioè per procura” (p. 25).

La grande ostilità ucraina nacque nel lontano febbraio 2014, quando “a esplodere i colpi omicidi erano stati i “cecchini” georgiani assoldati con l’intermediazione dell’ex presidente della Georgia, il famigerato Mikheil Saak’ashvili, divenuto governatore dell’oblast’ di Odessa dopo essere fuggito dal suo Paese dov’era perseguito per truffa e omicidi politici” (Cardini, p. 64).

Comunque gli sviluppi più interessanti nascono dalle idee di un generale russo. La “dottrina Gerasimov” sottolinea come “gli strumenti non militari in determinate condizioni erano più efficaci delle armi, e che le azioni asimmetriche potevano annullare i vantaggi nei rapporti di forza fra contendenti. Per essere “asimmetrici” occorreva combattere con gli stessi strumenti dell’avversario: disinformazione, psicologia, impiego della forza limitato ma determinato” (Fabio Mini, p. 83).

Secondo il generale cinese Qiao Liang, “Washington sta perseguendo contemporaneamente l’obiettivo di circondare la Russia assieme a quello di danneggiare l’Ue con l’aiuto degli stessi europei” ufficializzati a livello politico (p. 94). I tempi sono quasi sempre rivelatori ed è probabile che fra qualche settimana avremo quasi tutti le idee più chiare. In ogni caso la Russia sembra aver accelerato “la fine della parabola dell’impero finanziario americano” (Qiao Liang).

In definitiva si può tranquillamente affermare che “la prima vittima della guerra è la verità”, e che “la seconda è la logica” (Marco Travaglio, p. 12). Di sicuro, per quanto riguarda i consiglieri militari, “soltanto i britannici hanno ufficialmente ammesso di averne inviati alcuni” (p. 28). E se di solito, “in ogni conflitto tra il fanatismo e il buon senso, è raro che quest’ultimo prevalga”, in questo caso appare molto meno raro (Marguerite Yourcenar, scrittrice francese morta nel 1987).

Franco Cardini ha insegnato Storia medievale all’università e presso l’Istituto di Scienze Umane e sociali, ora facente parte della Scuola Normale di Pisa. Ora è professore emerito di Storia medievale e si occupa di storia delle crociate, dei pellegrinaggi e delle relazioni tra Europa e Islam.

Fabio Mini è un generale di corpo d’armata che è stato a capo dello Stato maggiore della Nato per il Sud Europa. Ha guidato il gruppo interforze nella guerra nei Balcani ed è stato il comandante capo delle operazioni di pace in Kosovo nella missione KFOR. Collabora con alcuni quotidiani e ha scritto alcuni libri (un esempio: “Perché siamo così ipocriti sulla guerra?”, Chiarelettere, 2012).

Nota a cura di Marco Travaglio – “La Nato è un’alleanza difensiva” (e “non spiegavano come mai nella sua storia abbia aggredito” mezza Europa). In definitiva, come disse Napoleone, anche oggi “C’è da avere più paura di tre giornali ostili che di 1000 baionette”. Oppure come disse Nietzsche: “Ribellarsi: ecco la nobiltà dello schiavo” (p. 69).

Damiano Mazzotti

Damiano Mazzotti

"Prima delle leggi, prima della stampa, la democrazia è la parola che puoi scambiare con uno sconosciuto" (Arturo Ixtebarria').

 

Damiano Mazzotti è nato nel 1970 in Romagna e vive in Romagna. Si è laureato in Psicologia Clinica e di Comunità a Padova nel 1995. Nel corso della vita si è occupato di consulenza, di formazione e di comunicazione, lavorando nella Regione Emilia-Romagna, per società di Milano e per l’Istituto Europeo di Management Socio-Sanitario di Firenze. Nel 2008 diventa uno studioso indipendente e un Citizen Journalist che ha pubblicato centinaia di articoli sulla piattaforma informativa Agoravox Italia (www.agoravox.it/Damiano-Mazzotti). Nel 2009 ha pubblicato Libero pensiero e liberi pensatori, il primo saggio di un giornalista partecipativo italiano. 

 

 

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti