La Zanzara di Radio24. Tra insulti, bugie e involontarie verità

La Zanzara di Radio24. Tra insulti, bugie e involontarie verità

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Se vi è capitato di trovarvi in macchina con la radio sintonizzata su Radio24, può darsi che vi siate scoperti ad ascoltare una delle trasmissioni più ributtanti per volgarità spacciata per libertà di espressione, insulti spacciati per ironia, ingiurie pesanti contro qualunque soggetto scelto dai conduttori spacciate per espressioni libere da “ottuso moralismo”. Se vi è capitato allora eravate sintonizzati su “La Zanzara”.

Uno dei suoi due conduttori, nella trasmissione dell’8 gennaio, parlando del povero rider aggredito e derubato da una baby-band a Napoli, dando sfogo al suo pensiero in modo viscerale e più che vagamente razzista è riuscito ad offendere la città di Napoli ed i suoi abitanti e, nel paragone che forse gli è sembrato intelligente, è riuscito a offendere il popolo palestinese offendendo, a mio avviso, anche quella fetta di popolo israeliano che non vorrebbe vedere il proprio paese indicato apertamente come sanguinario e palesemente al di fuori del Diritto universale e internazionale.

L’Ambasciata palestinese in Italia ha emanato un c.s. in cui “condanna  vivamente l’uso improprio della situazione drammatica in cui vive il popolo palestinese, fatto dal giornalista Giuseppe Cruciani nel corso della trasmissione radiofonica…”  in cui, paragonando Napoli a città così impossibile da fargli dire che piuttosto che trovarsi ad essere napoletano membro di una band che aggredisce e deruba un rider avrebbe preferito andare a Ramallah a sparare ai palestinesi col Mossad.

Il suo collega David Parenzo, ebreo praticante e forse un po’ toccato da quell’espressione che rendeva chiaro agli ascoltatori che andare a sparare ai palestinesi è pratica israeliana tanto comune da essere addirittura banale, ha solo balbettato qualcosa di incomprensibile. Forse stava riflettendo se fosse preferibile intervenire a correzione di quanto dichiarato oppure se fosse opportuno rincarare la dose, ma non possiamo saperlo.

Quel che invece ci è chiaro e ci preme sottolineare, bypassando l’abituale turpiloquio offensivo che caratterizza le esternazioni di Giuseppe Cruciani,  è l’imprecisione della sua affermazione. Lui ha parlato di Mossad, ebbene, il Mossad si occupa di omicidi in patria e all’estero (anche in Italia ha sparso, ovviamente impunito, sangue palestinese) ma non va a sparare ai palestinesi nelle strade o nelle loro case come pratica quotidiana.  A far quello ci pensa l’esercito regolare, ci pensano spesso i coloni fuorilegge e talvolta anche i semplici cittadini che, come Cruciani forse sa e forse no, possono andare in giro regolarmente armati , anche con mitra in spalla da usare “alla bisogna”, mica come quei “pezzenti” palestinesi che quando non ce la fanno più prendono una pietra o un coltello da cucina!

Ecco quel che è riuscito a fare, genialmente, in un colpo solo il cabarettista Cruciani:  

1) ha confuso i servizi segreti israeliani con le normali forze militari che occupano i Territori palestinesi,

 2) ha reso chiaro agli ascoltatori che ammazzare i palestinesi può comportare qualche rischio sì, ma inferiore a quello che si corre vivendo nella vituperata città partenopea rinforzando stereotipi volgari e offensivi  contro Napoli;

3) ha citato Ramallah, città palestinese, abitata da palestinesi  musulmani e cristiani e sotto giurisdizione dell’Autorità nazionale palestinese, come città in cui Israele può  impunemente entrare e uccidere i palestinesi. Forse la sua intenzione era di mostrare la pericolosità dei palestinesi (sotto occupazione è sfuggito) ma è riuscito a superare se stesso dicendo anche una verità che forse non era nelle sue intenzioni dire.

Insomma, credendo di fare satira offensiva e beffarda, Cruciani ha detto una bugia e una verità: la bugia offende i napoletani, la verità offende – magari a ragione – il Diritto internazionale mostrando che è impotente nel fermare i crimini israeliani contro la popolazione palestinese.

Va da sé che la trasmissione La zanzara, definita satirico/demenziale, di satirico ha ben poco e che la motivazione per la quale nel 2013 è stato conferito ai suoi conduttori il “Premiolino”, cioè l'apprezzamento per aver “creato un nuovo linguaggio radiofonico e una rubrica di successo” fa parte di quella decadenza politico-sociale che è propria di ambienti razzisti e di bassissima levatura culturale dove basta il turpiloquio per fare audience e far godere, come spettatori di  una squallida corrida, gli ascoltatori portati a gioire della demolizione a suon d’insulti dell’oggetto della loro attenzione.

Insomma, i conduttori de La zanzara sono stati premiati per la loro capacità di ridurre a livelli primitivi e viscerali il godimento dei  loro ascoltatori alla stregua di una delle peggiori radiucole di sub-cultura sessista e razzista che occupano qualche spazio nell’etere.

Un caldo ringraziamento al gruppo 24ore per il servizio servito dal suo dipendente degno, come diceva una famosa satira pubblicitaria, dei peggiori bar di Caracas.

Patrizia  Cecconi

Patrizia Cecconi

Romana di nascita, milanese di ultima adozione. Laureata in Sociologia presso la Sapienza Roma ove tiene per alcuni anni dei seminari sulla comunicazione deviante. Successivamente vince la cattedra in Discipline economiche ed insegna per circa 25 anni negli Istituti commerciali e nei Licei sperimentali. Interessata all'ambiente, alle questioni di genere e ai diritti umani ha pubblicato e curato diversi libri su tali argomenti ed uno in particolare sulla Palestina esaminata sia dal punto di vista ambientale che storico-politico. Ha presieduto per due mandati l'associazione Amici della Mezzaluna Rossa Palestinese di cui ora è presidente onoraria e, al momento, presiede l'associazione di volontariato Oltre il Mare. Da oltre 12 anni trascorre diversi mesi l'anno in Palestina, sia West Bank che Striscia di Gaza, occupandosi di progetti e testimonianze dirette della situazione. Collabora con diverse testate on line sia di quotidiani che di riviste pubblicando articoli e racconti. 

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani di Francesco Erspamer  È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo? di Giorgio Cremaschi Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente di Francesco Santoianni Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit di Giuseppe Masala I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti