L’Iran entro “pochi mesi” aderirà al sistema di pagamento russo Mir

L’Iran entro “pochi mesi” aderirà al sistema di pagamento russo Mir

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Per anni i paesi sanzionati dagli Stati Uniti come l’Iran, la Siria, Venezuela, Cuba in primis, hanno invocato sistemi finanziari alternativi per aggirare le criminali sanzioni di Washington che impediscono l’acquisto di bene di prima necessità come cibo, medicine, attrezzature mediche. Neanche la pandemia da Covid-19 ha portato alla sospensione delle sanzioni, nonostante ciò, tanti paesi sanzionati hanno dimostrato di affrontare l’emergenza meglio dei cosiddetti paesi “civili”, “liberi”, “democratici”.

La guerra in Ucraina, con le susseguenti sanzioni alla Russia che al momento colpiscono solo le popolazioni dei paesi occidentali, hanno spinto verso le creazioni di sistemi di pagamento finanziari alternativi. Se le tensioni tra Cina e USA su Taiwan proseguiranno, anche Pechino prenderà definitivamente questa direzione.

Con i suoi tempi, il mondo nuovo, multipolare, compie i suoi passi.

Intanto, ieri, il capo del dipartimento bancario e assicurativo del ministero delle finanze iraniano, Qorban Eskandari, ha annunciato che l'Iran è a pochi mesi dall'adesione al sistema di pagamento russo Mir .

Secondo Eskandari, i colloqui tra le banche centrali di entrambi i paesi si svolgeranno presto, poiché gli attuali incontri con la Russia sul sistema di pagamento sono finora limitati a legami bilaterali.

I legami per i servizi bancari con altri paesi che già utilizzano il sistema Mir avverranno solo in seguito, ha aggiunto Eskandari.

Mir è una parola russa che significa sia "mondo" che "pace". Questo sistema è stato lanciato nel 2014 come alternativa ai sistemi di pagamento con carta di credito e di debito occidentali ed è stato utilizzato per aggirare le sanzioni statunitensi alla Russia in seguito alla loro annessione della penisola di Crimea.

Le carte Mir sono attualmente accettate a Cuba, Corea del Sud, Turchia, Vietnam, alcuni paesi dell'ex blocco sovietico e dal servizio di vendita al dettaglio online cinese, AliExpress.

Dopo l'inizio della guerra in Ucraina, Visa e Mastercard hanno interrotto le loro operazioni in Russia, il che equivaleva a una perdita di entrate annua di 1,5 miliardi di dollari.

Su questa scia, la Russia ha spinto le carte di debito e di credito Mir con altri paesi come alternativa al sistema egemonico.

Negli ultimi mesi, Teheran e Mosca hanno raddoppiato gli sforzi per cooperare economicamente e aggirare le sanzioni occidentali, poiché le discussioni tra le due nazioni sull'accettazione reciproca delle alternative nazionali a Visa e Mastercard sono iniziate a fine maggio.

A metà luglio, la Russia ha accettato di sviluppare diversi giacimenti di petrolio e gas in Iran con un accordo di investimento da 40 miliardi di dollari, il più grande nella storia dell'industria petrolifera iraniana.

La multinazionale energetica russa Gazprom investirà la somma nell'ambito di un accordo firmato con la National Iranian Oil Company (NIOC).

Iran e Russia hanno circa 70 trilioni di metri cubi di riserve di GNL, che rappresentano il 30% della fornitura mondiale.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden di Marinella Mondaini Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest? di Antonio Di Siena Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest?

Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest?

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti