L’Iran risponde alle nuove sanzioni USA: “iniettato gas nelle centrifughe”

L’Iran risponde alle nuove sanzioni USA: “iniettato gas nelle centrifughe”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In contemporanea con la visita, meglio dire provocazione-dichiarazione di guerra con la visita della speaker della Camera dei Rappresentanti, Nancy Pelosi a Taiwan, ormai l’Asia è diventato il fronte di guerra dell’impero statunitense, giunto alla fine, ma non per questo meno pericoloso, anzi.

Gli Stati Uniti in un modo o nell’altro non vogliono tornare all’accordo sul nucleare e faranno di tutto per provocare contromisure da parte dell’Iran, fino al conflitto.

Così mentre le attenzioni erano concentrate sulla visita di Pelosi a Taiwan, ecco che Washington ha introdotto nuove sanzioni contro Teheran. La risposta dal paese persiano non si è fatta attendere.

Il ministro degli Esteri iraniano, Hosein Amir Abdolahian, infatti, ha definito "malattia e follia" i nuovi embarghi annunciati il ??giorno prima dal governo degli Stati Uniti nei confronti di sei società straniere legate al settore petrolifero e petrolchimico iraniano. 

"Abbiamo risposto all'azione degli Stati Uniti iniettando gas in centinaia di centrifughe avanzate a partire da lunedì sera ", ha annunciato il capo della diplomazia iraniana, in un discorso pronunciato oggi durante l'incontro per commemorare i diritti umani e la dignità umana.

Ha accusato l'attuale amministrazione statunitense, guidata da Joe Biden, di aver inviato segnali contraddittori sui negoziati volti a riattivare l'accordo nucleare del 2015. Da un lato, indica, Washington si dice pronta a tornare al patto – da cui si è ritirato unilateralmente nel 2018 e, dall'altro, ricorre alla "follia delle sanzioni inefficaci" o introduce risoluzioni critiche nei confronti dell'Iran, bloccando tutti i tentativi di sbloccare il processo dei colloqui. È un mero "spettacolo" che non ha un "impatto tangibile" sull'economia iraniana, ha sottolineato Amir Abdolahian.

ll capo della diplomazia persiana ha considerato "un'azione irrazionale" la decisione della Casa Bianca di imporre nuove sanzioni all'Iran, proprio quando le parti negoziali sono concentrate sull'affrontare una bozza di accordo presentata la scorsa settimana dal capo della Politica estera dell'Europa Union (Ue), Josep Borrell , per rilanciare il patto nucleare.

Ha ricordato che anche Borrell ha riconosciuto la scorsa settimana che la campagna di "massima pressione" statunitense contro l'Iran è "fallita", dopo aver rivelato la sua nuova proposta in un articolo del Financial Times.

 "Gli Stati Uniti non dovrebbero pensare di poter ottenere concessioni al tavolo dei negoziati con queste decisioni [l'imposizione di sanzioni] e dovrebbero abbandonare le loro richieste eccessive", ha avvertito l'alto diplomatico persiano.

Ha anche evidenziato che la Repubblica islamica dell'Iran sostiene i negoziati ed è molto seria "nel raggiungere un accordo buono, fermo e duraturo, ma se gli Stati Uniti seguiranno questa strada [di molestie], non rimarremo a guardare".

Nel 2019, l'Iran ha aumentato il suo arricchimento di uranio in risposta al ritiro unilaterale degli Stati Uniti dal patto, PIAC o JCPOA, e alla reintroduzione di tutte le sanzioni eliminate dall'accordo con Teheran.

Tuttavia, le autorità persiane hanno ripetutamente assicurato che il paese persiano annullerà immediatamente tutte le misure correttive una volta che gli Stati Uniti avranno revocato l'embargo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia di Antonio Di Siena Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti