Lula chiede la libertà per Julian Assange

Lula chiede la libertà per Julian Assange

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente eletto brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva ha chiesto a gran voce il rilascio del giornalista Julian Assange dopo aver incontrato il direttore di WikiLeaks Kristinn Hrafnsson e l'editore Joseph Farrell.

"Sono stato con Hrafnsson, caporedattore di WikiLeaks, e con l'editore Joseph Farrell, che mi hanno informato sulla situazione di salute e sulla lotta per la libertà di Julian Assange", ha scritto Lula, che si insedierà come capo di Stato brasiliano il 1° gennaio.

"Ho chiesto loro di inviare la mia solidarietà. Che Assange sia liberato dalla sua ingiusta detenzione", ha dichiarato l'ex presidente (2003-2011).

L'islandese Hrafnsson è impegnato in un tour in diversi Paesi dell'America Latina nel tentativo di convincere i governi progressisti a fare pressione sulle autorità statunitensi per ottenere il rilascio del giornalista australiano.

Intervistato dai media locali, il direttore di WikiLeaks ha riconosciuto che la recente ondata di vittorie elettorali di politici di sinistra in America Latina lo ha portato nella regione, con l'obiettivo di cercare sostegno politico per il rilascio di Assange.

Nello scorso mese di giugno Lula aveva già condannato l'approvazione da parte di Londra dell’estradizione del giornalista australiano negli Stati Uniti. 

"Quale crimine ha commesso Assange?", chiedeva Lula. "Se va negli Stati Uniti, estradato, è sicuramente all'ergastolo e morirà sicuramente in carcere", lamentava il presidente eletto del Brasile. 

Hrafnsson e Farrell si sono inoltre incontrati a Rio de Janeiro e Brasilia con i gruppi di lavoro Comunicazione e Affari esteri del governo eletto.

Secondo le informazioni riservate dell'Agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e di WikiLeaks nel 2015, funzionari statunitensi hanno spiato in Brasile il governo dell'allora presidente Dilma Rousseff (2011-2016).

In totale sono stati intercettati 29 telefoni di membri ed ex membri della sua amministrazione. Nel 2016 la Rousseff ha subito un colpo di Stato parlamentare che l'ha allontanata dal potere.

Assange è attualmente detenuto in un carcere britannico di massima sicurezza dal suo arresto presso l'ambasciata ecuadoriana a Londra nell'aprile 2019.

È in attesa di una decisione da parte della magistratura britannica su un ricorso presentato dai suoi avvocati contro l'ordine di estradizione emesso a luglio dall'allora ministro degli Interni Priti Patel.

Se estradato negli Stati Uniti, che stanno cercando di perseguirlo, potrebbe rischiare fino a 175 anni di carcere per 17 capi d'accusa di presunte violazioni della legge sullo spionaggio.

Le accuse contro Julian Assange riguardano l'accesso e la pubblicazione di documenti militari sull'Iraq, l'Afghanistan e la base illegale di Guantanamo Bay, nonché di rapporti diplomatici che rivelano crimini di guerra e altri abusi commessi da funzionari e autorità statunitensi.

 
 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

I Sonnambuli di oggi  di Giuseppe Masala I Sonnambuli di oggi

I Sonnambuli di oggi

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente