Manuel Zelaya: "Il neoliberismo ha fallito – torneremo alla pianificazione statale"

Manuel Zelaya: "Il neoliberismo ha fallito – torneremo alla pianificazione statale"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Yunus Soner

L'ex presidente è molto impegnato. È allo stesso tempo al telefono, dirige il suo assistente e porta avanti dibattiti politici con attivisti e persino con i camerieri che entrano ed escono dal ristorante di Città del Messico. Forse è per questo che José Manuel Zelaya Rosales appare sempre più alto ed energico di quanto ricordi dall'ultima volta che lo hai incontrato. In ogni occasione, sembra combattere ancora più di prima.

Il detto tedesco sul calcio, che “il dopo partita è già il prima della (prossima) partita”, è in un certo senso valido per il Presidente. “Il dopo golpe subito è già il tempo che precede la conquista del governo”.

Eletto presidente dell'Honduras nel 2006, Manuel Zelaya ha tracciato una strada diversa per il destino della nazione centroamericana. Ha aderito all'Alleanza Bolivariana per i Popoli della nostra America (ALBA), un progetto di integrazione regionale avviato dal venezuelano Hugo Chavez.

L'adesione all'ALBA è stata seguita dall'iniziativa di Zelaya di introdurre cambiamenti fondamentali nella costituzione del paese, ampiamente interpretata come un tentativo di rifondazione del paese, simile alla riforma costituzionale bolivariana in Venezuela.

Le classi dominanti dell'Honduras hanno risposto nel 2009 con un colpo di Stato sostenuto dagli Stati Uniti che ha estromesso Zelaya dal potere e lo ha costretto all'esilio. È tornato nel 2011 e ha continuato la lotta politica, fondando il Movimento Libertà e Rifondazione (LIBRE).

Il 28 novembre 2021 sarà il prossimo round della lotta politica, quando in Honduras si terranno le elezioni presidenziali e parlamentari. LIBRE è in testa in diversi sondaggi sulla presidenza con il suo candidato – Xiomara Castro de Zelaya, la moglie di Manuel Zelaya. Xiomara Castro è già stata candidata alla vicepresidenza nel 2017, dove LIBRE ha perso con un margine di appena 50.000 voti.

Il peggioramento della situazione economica da allora aumenta le possibilità per LIBRE di vincere le elezioni – che non sono solo seguite da vicino in America Latina. Poiché Castro ha dichiarato che avrebbe "immediatamente aperto relazioni diplomatiche e commerciali con la Cina" una volta eletta, entrambe le autorità di Taiwan e della Repubblica Popolare Cinese stanno osservando l'Honduras. Il cinese Global Times cita esperti che affermano che le probabilità sono “dell’80-90% che l'Honduras rompa le relazioni diplomatiche con Taiwan".

Continuando sempre la lotta, Manuel Zelaya è oggi il coordinatore di LIBRE, un lavoro che è diventato più difficile dopo che altri partiti di opposizione si sono uniti per sostenere Castro.

“Impari che la tolleranza è lo strumento principale per coordinare”, dice Zelaya. Le sue idee d'altra parte sono piuttosto radicali, quindi probabilmente avrà bisogno di questa dote maggiormente in futuro.

Il colpo di Stato ha instaurato un regime mafioso a favore dei centri egemonici – ma si è rivelato insostenibile

Come Presidente, sei stato colpito da un golpe. Qual era lo scopo di quel colpo di Stato?

Un golpe è organizzato per interessi. In Honduras con il golpe si è instaurato un modello economico che non poteva essere sostenuto dalla democrazia. Invece, si basava su brogli elettorali, colpi di Stato e un regime mafioso organizzato.

Con questo colpo di Stato hanno avuto l'opportunità di saccheggiare il paese. Oggi il nostro debito estero è aumentato del 600% rispetto al periodo pre-golpe. Quando hanno organizzato il golpe contro di me, avevamo un debito di 3 miliardi di dollari, oggi il debito è oltre i 16 miliardi.

Di conseguenza, la povertà è aumentata. Lo Stato stesso ha iniziato a usare la violenza. C'erano i cosiddetti squadroni della morte, i ‘gruppi di pulizia’, gli omicidi. Il governo stesso mostra molta aggressività contro il popolo. Il governo si è trasformato nel nemico del popolo.

Lo Stato, che si è costituito per risolvere le contraddizioni, si è trasformato in un apparato, che le approfondisce ulteriormente, perché è diventato difensore del capitale, della proprietà.

Invece di rispettare i diritti umani, il governo cerca di coprire le sue violazioni. Tutto questo è risultato del colpo di Stato.

Il modello neoliberista è completamente fallito

Quindi oggi c'è una grande indignazione tra la popolazione a causa del costo della vita, dei prezzi dell'energia, dei costi di trasporto e dei prezzi del cibo.

Di conseguenza, l'Honduras è diventato un simbolo dell'immigrazione di massa negli Stati Uniti. Ora, gli Stati Uniti hanno grossi problemi con i grandi gruppi di immigrati che partono dall'Honduras.

Il sistema economico è crollato. Il modello neoliberista non fornisce più risposte. Non fornisce più una prospettiva per le persone.

Che porta al cambiamento. Un cambiamento pacifico, moderato, di traformazione. Questo è il fenomeno che vedremo nelle prossime elezioni in Honduras.

Il loro modello si è rivelato insostenibile?

Il loro modello era autoritario, basato sulla forza. E questo modello neoliberista sta fallendo in gran parte del mondo, non solo in Honduras. Sono costretti a usare i mass media e le università per ingannare la gente. Usano la chiesa per fornire alla gente una dottrina, perché il modello stesso non fornisce alcun senso. Quindi, offrono il cielo, un altro regno, un altro mondo.

Il modello economico è completamente fallito; è in bancarotta.

Qual è l'alternativa che propone il suo partito?

L'alternativa è tornare alla pianificazione statale, che è stata abbandonata alle forze del mercato. L'ideologia era che il mercato fosse cieco, che avrebbe creato ricchezza. Quello che ha fatto è accumulare, concentrare la ricchezza. Non ha creato distribuzione del reddito.

Le entrate andavano alle metropoli, alle potenze egemoniche degli Stati Uniti e dell'Europa.

Ora stiamo lottando per una trasformazione pacifica, tramite elezioni, che sarà seguita da un dialogo e stabiliremo un governo di riconciliazione.

Le elezioni in Honduras si svolgono nel contesto di un rilancio della CELAC e delle integrazioni regionali.

Il destino dell'America Latina è l'unità. Questo non è un compito facile. Unire i ‘Caribenos’ con i centroamericani, i brasiliani, i messicani o i gruppi della Patagonia non è facile. L'unità latinoamericana è una sfida.

Una nuova ondata di integrazione latinoamericana in arrivo

Ma abbiamo già avuto forti momenti di integrazione, quando le idee per socializzare e democratizzare l'economia hanno preso forza nel continente. Il primo decennio del 21° secolo ha visto l'ascesa di figure come Correa, Lula, Hugo Chavez e Christina Kirchner. Lì, noi in Honduras ci siamo integrati in quell'ondata sociale in America Latina. Quindi, ci sono momenti in cui tale unità è stata raggiunta.

Assistiamo a un altro di quei momenti; c'è una nuova ondata?

Sì, c'è una nuova ondata attualmente, questa volta, maggiormente alimentata dall'insoddisfazione del modello di sfruttamento neoliberista e del sistema capitalista. Ci sono state proteste diffuse contro questo sistema, ad esempio da un anno in Cile, in Ecuador, persino in Argentina contro il governo Macri, dove la gente è scesa in piazza. Anche Bolsoranaro in Brasile è stato preso di mira da tali proteste.

In Bolivia hanno organizzato un colpo di Stato a sostegno di tali politiche neoliberiste, ma poi, quando sono state aperte le urne, il Movimento al Socialismo (MAS) è tornato al potere.

Messaggio a Biden: “Niente pace finché il popolo non avrà mezzi per sopravvivere"

Sì, abbiamo un'ondata attualmente. E prende di mira anche quelli che chiamo scandali persistenti creati da piccoli circoli conservatori negli Stati Uniti. 60 anni di blocco contro Cuba ne sono un esempio, l'intervento degli Stati Uniti in Venezuela e la proclamazione di Juan Guaidò un altro. L'esistenza del Gruppo di Lima è un’altra vergogna, per esempio.

E pensiamo che contro queste realtà vergognose, sia in arrivo un cambiamento pacifico ma importante. E in quel contesto il mio messaggio all'amministrazione Biden è: per fermare l'immigrazione, devi promuovere la democrazia. Per evitare l'immigrazione negli Stati Uniti e la corruzione diffusa, è necessario istituire governi trasparenti e responsabili nei confronti dei popoli. Daremo all'amministrazione Biden il beneficio del dubbio, che capirà che non c'è pace finché il popolo non ha mezzi di sopravvivenza.

“Il multipolarismo è il progresso dell'umanità”

Dobbiamo affrontare le ragioni della povertà e della corruzione, e non usare solo le sanzioni come è stato fatto negli ultimi anni.

Qual è il ruolo che il multipolarismo può svolgere nella politica dell'Honduras?

Il multipolarismo è un fenomeno del progresso dell'umanità. L'ascesa della Cina, il ritorno della Russia alla politica internazionale, anche l'Unione Europea con i suoi conflitti per le fette di mercato non possono essere trascurati. Questi fenomeni sono molto influenti.

La discussione sta qui: puoi misurare la tua economia in base al PIL pro capite, ma poi escluderai fattori di povertà reale, pensioni, distribuzione del reddito e continuerai il modello di accumulazione esistente.

Quindi, abbiamo bisogno di sviluppare una nuova ideologia, che a sua volta cambierà l'economia. In realtà, l'attuale fallimento del capitalismo ravviva e attualizza Karl Marx oggi per il 21° secolo.

(Intervista pubblicata in inglese su United World International)

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra