Piano degli USA: confinare il mondo in un dilemma Est-Ovest e la possibilità di provocazione nucleare

Piano degli USA: confinare il mondo in un dilemma Est-Ovest e la possibilità di provocazione nucleare

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La guerra in Ucraina, la visita di Pelosi a Taiwan e le provocazioni greche nel Mar Egeo...

Gli Stati Uniti d'America (USA) si stanno impegnando ancora di più per impedire che il mondo multipolare prenda forma.

Valutando le azioni di Washington in diverse regioni, possiamo giungere a queste due proposizioni principali;

1. Gli Stati Uniti stanno cercando di destabilizzare il crocevia tra Europa e Oriente.

2. Gli Stati Uniti stanno cercando di impedire che l’umanità esca dal dilemma Oriente/Occidente, interrompendo le relazioni russo-europee, cinesi-europee e turco-europee.

E l'Europa ha svolto egregiamente il suo ruolo nello scenario messo in piedi dagli Stati Uniti, anche se il suo esito è una distruzione totale.

Il suicidio dell'Europa

L'élite politica europea si è unita alla gang statunitense delle "sanzioni contro la Russia" dopo la guerra d'Ucraina, anche se contro gli interessi del proprio popolo.

Il risultato di questa crisi è stato il taglio dei legami russo-europei, la crisi economica e il fallimento dei governi del Vecchio Continente. (dimissioni di Boris Johnson nel Regno Unito, di Mario Draghi in Italia e del governo filoamericano in Bulgaria, mentre Macron ha perso la maggioranza parlamentare all'Assemblea nazionale. Anche la Germania dovrebbe subire simili rotture politiche).

Gli appelli dei leader europei alle "sanzioni contro la Cina", questa volta dopo l'escalation della crisi di Taiwan da parte degli Stati Uniti, indicano che le tendenze suicide sono ancora presenti in Europa.

L'Europa che ha ormai tradito gli ideali di De Gaulle "dall'Atlantico agli Urali" può aspettarsi un inverno rigido e forse proteste popolari.

Gli impegni della Russia

L'obiettivo principale della provocazione in Ucraina era quello di costringere la Russia ad agire contro l'amministrazione di Kiev e quindi di interrompere i legami russo-europei.

Sebbene la Russia abbia cercato di mantenere aperte le vie del dialogo fino alla fine, le relazioni sono state comunque interrotte a causa della sottomissione dell'élite politica europea alle politiche incentrate sugli Stati Uniti.

La Russia sta ora cercando di riportare l'Europa in pista giocando la carta dell'energia. Tuttavia, una normalizzazione tra Mosca e le capitali europee non sembra molto vicina con gli attuali governi.

Rimane solo un'opzione: un cambio di governo in tutta Europa...

I russi stanno anche cercando di indebolire Washington in Medio Oriente, facendo pressione sull'alleato statunitense Israele.

Un'altra politica di Mosca in Medio Oriente è quella di migliorare le relazioni con i Paesi vicini agli Stati Uniti, come l'Arabia Saudita e altri Paesi del Golfo, nei settori commerciale, militare, industriale ed energetico, per allontanare questi Paesi dall'influenza statunitense e renderli più neutrali.

In questo momento la Turchia agisce quasi come una linfa vitale per la Russia.

Pertanto, possiamo aspettarci che l'Occidente intraprenda azioni per portare la Turchia a un punto tale da non poter avere relazioni con la Russia, soprattutto attraverso le sanzioni, nel prossimo periodo di tempo.

La pazienza della Cina

Insistendo sulla sua politica di "neutralità a favore della Russia" dopo l'inizio della guerra d'Ucraina, la Cina è riuscita a sostenere la Russia contro gli Stati Uniti, che vedeva come la principale minaccia, pur non tagliando i legami con i suoi partner europei.

Questa strategia di Pechino è stata una risposta agli sforzi degli Stati Uniti di confinare il mondo in un dilemma Est/Ovest e di ostacolare l'ordine mondiale multipolare.

La risposta degli Stati Uniti è stata quella di inviare Nancy Pelosi a Taiwan, costringendo la Cina a dare una risposta più dura.

Dando una risposta limitata alle provocazioni direttamente nell'entroterra cinese, sembra che la Cina abbia per ora superato questa mossa degli Stati Uniti.

Governo greco sottomesso

Un'altra forza che gioca un ruolo nella strategia statunitense di creare instabilità nel crocevia tra Occidente e Oriente è il governo greco.

La Grecia, che ha ceduto la propria sovranità nazionale agli Stati Uniti e a Bruxelles, ha ora intensificato le proprie provocazioni contro la Turchia nel Mediterraneo e nell'Egeo.

Le isole dell'Egeo, che dovevano essere mantenute demilitarizzate secondo gli accordi bilaterali e internazionali, vengono sistematicamente militarizzate dall'élite politica greca.

D'altra parte, le terre greche e soprattutto i confini con la Turchia sono utilizzati come avamposto dalle forze armate statunitensi e c'è un costante accumulo di armi in queste regioni.

La Grecia continua ad agire per destabilizzare la regione come parte della strategia statunitense nel Mediterraneo orientale e intraprende azioni per costringere la Turchia sull'orlo di una guerra.

Il motivo per cui Atene prende queste decisioni mentre l'intera popolazione greca soffre di una crisi economica, è solo che l'amministrazione greca è diventata totalmente assoggettata agli Stati Uniti.

Il piano degli Stati Uniti è quello di provocare la Turchia sul Mar Egeo, proprio come ha fatto in Ucraina, e di creare una seconda zona di instabilità nel crocevia tra Asia ed Europa, al centro della geografia eurasiatica.

Purtroppo, l'amministrazione greca è ben lontana dal comprendere il fatto che sta trascinando il proprio Paese sull'orlo di un'enorme distruzione, proprio come Zelensky in Ucraina...

Il percorso irreversibile degli Stati Uniti e la provocazione nucleare

Questi sviluppi ci dimostrano che gli Stati Uniti non accettano la sconfitta e che possono ricorrere a qualsiasi mezzo per non perdere le loro sfere di influenza, soprattutto in Europa.

Non sarebbe una sorpresa vedere il Paese, che ha usato due volte le armi nucleari contro il Giappone alla fine della Seconda Guerra Mondiale per evitare che l'Unione Sovietica si spostasse in Asia, ricorrere nuovamente alla stessa opzione.

La possibilità di un sabotaggio o di una guerra nucleare è più vicina che mai...

Gli attacchi effettuati con droni kamikaze dall'esercito ucraino a soli 500 metri dalla centrale nucleare di Zaporozhe, dove è in corso un conflitto aperto tra Russia e Ucraina, ne sono solo un segno.

La possibilità di sperimentare una guerra nucleare a bassa densità/limitata è piuttosto alta, a meno che all'imperialismo statunitense non sia data una dura risposta.

(Articolo pubblicato in inglese su United World International)

Onur Sinan Güzaltan

Onur Sinan Güzaltan

Onur Sinan Güzaltan è nato a Istanbul nel 1985. Ha conseguito la laurea in giurisprudenza presso l'Università Paris-Est Créteil Val de Marne / Parigi XII e un master in diritto internazionale ed europeo. Ha ottenuto il certificato di equivalenza al diploma presso la Galatasaray University. Successivamente, ha conseguito un Master in Diritto del Commercio Internazionale, presso l'Institut de Droit des Affaires Internationales, fondato congiuntamente dall'Università della Sorbona e dall'Università del Cairo, dove ha ricoperto il ruolo di rappresentante al Cairo per il quotidiano Aydinlik. Ha pubblicato diversi articoli e partecipato a programmi televisivi sulla stampa internazionale, come People's Daily, Al Yaum, Al Ahram, Russia Today France, Al Youm Al Sabea. Oltre ad essere l'autore del Tanri Bizi Ister Mi?, un'opera che studia il periodo politico 2011-2013 in Egitto, ha anche contribuito allo studio multi-autore intitolato Ortadogu Çikmazinda Türkiye, con un articolo incentrato sulle relazioni turco-egiziane. Mentre attualmente lavora come avvocato, cura anche una rubrica settimanale per il quotidiano Aydinlik sul tema della politica internazionale e della geopolitica.

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden di Marinella Mondaini Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest? di Antonio Di Siena Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest?

Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest?

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra