Media siriani: Alleati degli USA hanno rapito 200 giovani nel nord della Siria

Media siriani: Alleati degli USA hanno rapito 200 giovani nel nord della Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le milizie appoggiate dagli Stati Uniti hanno rapito diversi giovani siriani nelle province di Hasaka e Raqqa, nel nord del Paese arabo.

Come riportato oggi dall'agenzia di stampa ufficiale siriana SANA , negli ultimi due giorni le cosiddette Forze democratiche siriane (FDS) hanno rapito più di 200 giovani nelle aree del nord della Siria.

Allo stesso modo, la fonte ha spiegato che questi miliziani hanno rapito i giovani all'ingresso di diverse moschee per reclutarli nei loro ranghi, nell'ambito del cosiddetto "reclutamento obbligatorio" nelle aree in cui sono dispiegate le forze di occupazione statunitensi.

Sulla stessa linea, il rapporto aggiunge che gli alleati statunitensi hanno lanciato una campagna di raid nei piccoli villaggi di Twimin e Al-Arisha, situati nel nord-est della Siria, e hanno rapito diversi civili, che hanno condotto ai loro campi e quartier generali.

Potrebbe anche interessarti

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso? di Francesco Erspamer  Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando di Paolo Desogus Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

No, il Calcio non siete voi! di Antonio Di Siena No, il Calcio non siete voi!

No, il Calcio non siete voi!

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti