"Mio padre ha pagato il rifiuto all'occupazione USA". Parla il figlio del leader tribale siriano ucciso

"Mio padre ha pagato il rifiuto all'occupazione USA". Parla il figlio del leader tribale siriano ucciso

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Ahmad Atliyoush, direttore degli affari sociali e del lavoro nel governatorato di Deir Ezzor e figlio del defunto sceicco Atliyoush della tribù Al-Akidat (Al-Aqidat), assassinato lunedì scorso, a casa sua con suo fratello e un altro ospite, senza dubbi ha dichiarato che "suo padre ha pagato il prezzo per le sue ferme posizioni nazionali rifiutando la presenza di tutti i tipi di occupazione e milizie armate sostenute da queste potenze coloniali che rubano i beni del paese".

Atliyoush ha attribuito la morte di suo padre alla coalizione guidata dagli Stati Uniti e alle loro milizie alleate, 'le forze democratiche siriane', FDS-Qasad, che attualmente operano a est del fiume Eufrate.

"Mio padre si era categoricamente rifiutato di sedere con i rappresentanti dell'occupazione americana o quelli che si definivano rappresentanti della presunta 'coalizione internazionale', e c'erano quattro inviti inviati a lui per incontrare i capi militari americani nel governo illegale della Al-Omar Oil Fields, che ha rifiutato tutti, convinto che non ci doveva essere collaborazione occupante e sicurezza per un nemico", ha spiegato Atliyoush a Sputnik Arabic.

Ha continuato: “Mio padre è un membro della tribù araba Al-Akidat, nota per il suo equilibrio e il suo amore per tutti. Era un buon amico di tutte le altre tribù arabe, ed era rispettato da tutti i dignitari e sceicchi ".

Atliyoush ha indicato che "uno dei leader della FDS ha visitato mio padre in veste civile e come ospite qualche tempo fa nella sua residenza nella città di Hawaij Theban, in particolare dopo lo scoppio di manifestazioni, proteste e scontri tra membri della tribù araba Al-Akidat e i miliziani dell'organizzazione Qasad, che è sotto il controllo dell'esercito americano, in seguito all'assassinio di uno sceicco ".

Secondo Atliyoush, suo padre ha rifiutato la presenza delle forze democratiche siriane nell'area perché "è solo per il suo popolo siriano e per le persone delle tribù arabe".

Ha ricordato che "mio padre ha sempre sottolineato durante le sue sessioni e incontri sociali che la Siria è un paese unito e che la sua ricchezza petrolifera e agricola, appartiene a tutti i siriani senza eccezioni, e deve tornare a loro qualunque sia il prezzo, sottolineando la necessità del ritorno delle istituzioni statali ".

Ha aggiunto che "l'occupante americano e l'organizzazione Qasd sono quelli che hanno la responsabilità morale e penale per l'uccisione di mio padre, mio ??fratello e il loro ospite, e annunceranno come al solito che arresteranno gli autori, cosa che non accadrà. come hanno promesso ai nostri cugini, la famiglia Al-Hafl, quindi non c'è soluzione se non con l'espulsione di questi stranieri dalla nostra regione oggi prima di domani."

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE di Giorgio Cremaschi 29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

E ora che succede con la seconda dose Pfizer? di Francesco Santoianni E ora che succede con la seconda dose Pfizer?

E ora che succede con la seconda dose Pfizer?

La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica   di Bruno Guigue La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica

La farsa di Capitol Hill e la fiction democratica

La Grecia "salvata dal Mes" ad un passo da un nuovo default di Antonio Di Siena La Grecia "salvata dal Mes" ad un passo da un nuovo default

La Grecia "salvata dal Mes" ad un passo da un nuovo default

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti