Mosca: "Con la presenza della Nato, l'Afghanistan è diventato un rifugio per l'ISIS"

Mosca: "Con la presenza della Nato, l'Afghanistan è diventato un rifugio per l'ISIS"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakhárova, ha commentato, oggi, la missione Nato in Afghanistan, affermando che l'investimento multimilionario nella sicurezza del Paese "è stato lasciato nella sabbia ". "I miliardi di dollari spesi per l'addestramento delle forze di sicurezza nazionali afghane sono stati lasciati nella sabbia. Il riconoscimento che i problemi afgani non hanno una soluzione militare è arrivato agli americani solo dopo un decennio di campagne ingloriose", ha affermato durante una conferenza stampa.

La portavoce del ministero degli Esteri ha sottolineato che il paese nordamericano e altri membri della NATO, dopo aver ritirato le loro truppe, hanno promesso di continuare a sostenere le forze di sicurezza afghane. "Che abbiano successo è una grande incognita, dal momento che l'Alleanza ha fallito per oltre 20 anni nella creazione di strutture di sicurezza locali, preparate per il combattimento, che potrebbero proteggere il paese in modo indipendente e garantire la legge e l'ordine in esso", ha ricordato, notando che gli osservatori riconoscono che la missione dell'Alleanza è stata "un fallimento".

Inoltre, Zakhárova ha ribadito che gli Stati Uniti e la coalizione avrebbero dovuto informare il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sui risultati della sua missione in Afghanistan. "Certo, vorremmo che non solo esperti e giornalisti facessero valutazioni, ma sarebbe anche importante ascoltare un rapporto nel Consiglio di sicurezza dell'Onu sugli sforzi compiuti in diversi anni dai rispettivi contingenti", ha aggiunto la portavoce. "Dopo tutto, il mandato è stato emesso dal Consiglio di sicurezza", ha concluso.

In un comunicato del ministero, tradotto da "Un altro punto di vista", si legge inoltre come: "Dopo due decenni di scontri, i talebani controllano più della metà del territorio del paese e continuano la lotta armata con il governo del paese. L'Afghanistan è diventato un rifugio per il gruppo terroristico ISIS, che conta fino a 4.000 militanti nel paese e conduce regolarmente attacchi terroristici. Durante la presenza della NATO in Afghanistan, l'area di coltivazione del papavero da oppio è cresciuta più di 20 volte. L'Afghanistan rappresenta oltre l'80% del mercato globale degli oppiacei. Secondo i dati delle Nazioni Unite, 24 delle 34 province del paese sono produttrici di droga."

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati? di Francesco Santoianni In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti