Obiettivi politici e militari della Russia in Ucraina

Obiettivi politici e militari della Russia in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

"Possiamo dire che l'obiettivo politico di Mosca è quello di rovesciare l'attuale amministrazione di Kiev, che il governo russo descrive come "giunta nazista", e che il suo obiettivo militare è quello di disattivare completamente l'infrastruttura militare ucraina", ha affermato l'esperto di United World International Onur Sinan Güzaltan in un'intervista al giornale turco Cumhuriyet descrivendo l'operazione militare russa in Ucraina.

Di seguito presentiamo l'intervista come pubblicata da Cumhuriyet, il testo originale può essere letto qui.

"Il prossimo passo potrebbe essere un referendum per l’unione con la Russia"

Güzaltan ha dichiarato che "Con questo intervento militare in Ucraina attraverso le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, la Russia ha fermato una volta per tutte l'espansione della NATO a est". Ha aggiunto che la ritirata di Mosca di fronte all'Occidente dagli anni '80 è terminata adesso.

Güzaltan ha descritto gli obiettivi militari dell'intervento russo come segue: "Le prime informazioni indicano che l'intervento militare russo è diretto verso il territorio complessivo dell'Ucraina".

"Possiamo dire che l'obiettivo politico di Mosca è quello di rovesciare l'attuale classe dirigente di Kiev, che il governo russo definisce come ‘giunta nazista’, e che il suo obiettivo militare è quello di disattivare completamente l'infrastruttura militare ucraina".

Secondo Güzaltan, il prossimo passo della Russia potrebbe essere "tenere un referendum sull'unione delle repubbliche di Donetsk e Lugansk con la Federazione Russa, proprio come fatto in Crimea".

Commentando il quadro politico emerso dopo l'intervento militare russo, Güzaltan ha detto:  "L'ultima situazione mostra che l'Ucraina, che ha seguito le direttive della NATO, ha perso una parte significativa del suo territorio, ed è diventata un paese politicamente diviso ed economicamente fallito. Oggi, l'Ucraina è diventata ciò che è descritto nel diritto internazionale come uno “Stato fallito". La Russia d'altra parte ha rifiutato di permettere alla NATO di entrare nel suo entroterra, nonostante la costante pressione dell'Occidente”. 

"Questa debole risposta degli Stati Uniti accelererà ulteriormente l’allontanamento europeo da Washington"

Valutando i riflessi internazionali della crisi ucraina, Güzaltan ha dichiarato: "Quando guardiamo la questione dal punto di vista degli equilibri internazionali di potere, possiamo vedere che gli Stati Uniti mirano a colpire lo sviluppo delle relazioni russo-europee attraverso la crisi ucraina, e a riconquistare il controllo dell'Europa, che gli Stati Uniti stanno per perdere con un nuovo equilibrio di potere simile alla Guerra Fredda.

Ma gli sviluppi finora mostrano che gli Stati Uniti, che hanno spinto l'Ucraina in una guerra sanguinosa, non mostrano la forza di stare dietro al loro alleato e si accontentano solo di misere sanzioni economiche”. 

Mentre spiega che l'incapacità degli Stati Uniti sta aumentando il tasso di gradimento verso Putin in Russia, Güzaltan afferma che "l'atteggiamento debole degli Stati Uniti aumenta la sfiducia tra i paesi europei, porta l'asse Parigi-Berlino a mantenere alcune relazioni con Mosca nonostante le crescenti tensioni. Il sostegno della Cina alla Russia contro l'espansione della NATO, è un altro motivo che ha portato i paesi europei ad essere extra cauti nella diplomazia. È probabile che la diplomazia russa nel prossimo periodo si concentrerà sull'accelerazione delle politiche volte a ricostruire le sue relazioni con i partner europei".

"La Turchia deve stare attenta alla Convenzione di Montreux"

Secondo Güzaltan, "Mentre finisce un'epoca della politica mondiale, stiamo entrando in un nuovo processo in cui l'influenza degli Stati Uniti sull'Europa diminuisce più che mai, fino a perdere del tutto l'Europa, mentre il mondo multipolare diventa ogni giorno più evidente".

Affermando che la Turchia dovrebbe stare attenta all'attuazione della Convenzione di Montreux, Güzaltan ha dichiarato che "spero che coloro che sostengono la NATO in Turchia, abbiano imparato le lezioni necessarie dall'attuale situazione in Ucraina, e diventino consapevoli che un nuovo mondo sta sorgendo”. 

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia di Antonio Di Siena Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra