Ocasio-Cortez su Cuba: "L'embargo Usa è assurdamente crudele"

Ocasio-Cortez su Cuba: "L'embargo Usa è assurdamente crudele"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La politica del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, di mantenere le misure coercitive nei confronti di Cuba, nonostante la crisi economica e sanitaria che questo paese sta attraversando, aggravata dalla pandemia, ha generato critiche tra i deputati del Partito Democratico.

La deputata Alexandria Ocasio-Cortez, il presidente della Commissione Affari Esteri della Camera,  Gregory W. Meeks , e il senatore Bernie Sanders hanno chiesto la fine delle misure punitive contro la nazione caraibica, che si sono intensificate durante l'amministrazione del repubblicano Donald Trump e che non sono stati revocati durante il mandato di Biden.

Queste dichiarazioni arrivano dopo le  manifestazioni  in diverse parti di Cuba lo scorso fine settimana, nel contesto dell'intensificarsi delle sanzioni statunitensi contro l'isola e della complessa situazione economica che il Paese sta attraversando nel bel mezzo della crisi dovuta al coronavirus.

La crudeltà come "punto di influenza contro il popolo"

In un video, Ocasio-Cortez ha affermato che è "straordinariamente importante" comunicare "le azioni o i contributi degli Stati Uniti alla sofferenza dei cubani sull'isola, che è direttamente correlata all'embargo".

La parlamentare di New York ha ricordato che lo scorso giugno l'ONU ha nuovamente approvato  una risoluzione per chiedere la fine del blocco statunitense contro Cuba per quasi 60 anni, e che il Paese nordamericano ha votato contro. "L'embargo statunitense è assurdamente crudele", ha lamentato.

"Respingo fermamente la difesa dell'embargo da parte dell'amministrazione Biden. Non è accettabile per noi usare la crudeltà come punto di leva contro la gente".

Inoltre, in una dichiarazione  pubblicata ieri, Ocasio-Cortez ha espresso solidarietà ai cubani che manifestano nelle strade e ha condannato "le azioni antidemocratiche guidate dal presidente Díaz-Canel", ma ha insistito sulla "crudeltà" che l'embargo comporta, così come "altre politiche statunitensi dirette all'America Latina". 

"Respingo fermamente la difesa dell'embargo da parte dell'amministrazione Biden. Non è accettabile che usiamo la crudeltà come punto di influenza contro la gente", ha concluso.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"Gli affari di Letta" e la morte della politica di Paolo Desogus "Gli affari di Letta" e la morte della politica

"Gli affari di Letta" e la morte della politica

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

Alcune note scomode sul ddl Zan Alcune note scomode sul ddl Zan

Alcune note scomode sul ddl Zan

Ursula e i sette figli di Antonio Di Siena Ursula e i sette figli

Ursula e i sette figli

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo di Gilberto Trombetta Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti