PNRR: con le 'riforme' dell'UE l'Italia perderà un ulteriore 0,1% del PIL

PNRR: con le 'riforme' dell'UE l'Italia perderà un ulteriore 0,1% del PIL

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

-0,1%. È la “crescita” prevista per il PIL italiano tra il 2019 e il 2023¹.
La peggiore d’Europa.
Eccoli gli effetti del tanto celebrato Recovery Fund. Altro che pioggia di miliardi.
Non è un caso d’altronde che anche uno come Wofgang Munchau lo avesse definito “macroeconomicamente irrilevante”².
Irrilevante, però, non lo sarà politicamente.
Perché la vera dote del Recovery Fund non è il PNRR, ma il PNR.
Cioè il Piano Nazionale di Riforme.
Quelle che ci chiede l’Unione Europea, ovviamente.
Le solite riforme dal lato dell’offerta che porteranno disoccupazione, precariato, deflazione salariale e distruzione dello Stato sociale.
Aumento dell’età pensionabile e riduzione delle pensioni, tassazione su prima casa e risparmio (che colpirà soprattutto il ceto medio) e diminuzione della spesa pubblica (anche quella per il SSN, ovviamente).
D’altronde il Governo Draghi è nato proprio per questo.
Chi meglio di colui che firmò la lettera della BCE del 5 agosto 2011 in cui ci venivano imposte riforme lacrime e sangue poteva finire il lavoro di smantellamento dello Stato sociale?

Gilberto Trombetta

Gilberto Trombetta

43 anni, giornalista politico economico e candidato Sindaco di Roma con la lista Riconquistare l'Italia del Fronte Sovranista Italiano

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti