Quali paesi europei riapriranno le loro ambasciate in Siria?

Quali paesi europei riapriranno le loro ambasciate in Siria?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I media siriani hanno riferito che diverse ambasciate europee si stanno preparando a riprendere le loro attività a Damasco nel prossimo futuro.

Non è certo l'esito delle recenti elezioni presidenziali che ha cambiato le scelte, è un processo che era già in atto e una tendenza che verrà seguita da altri paesi. Molto lentamente, è chiaro, non si vuole dare l'impressione che Assad è uscito vincitore da questa guerra e c'è il problema delle sanzioni.

Intanto, le fonti del quotidiano al Watan affermano che diplomatici da Grecia, Ungheria e Serbia sono già arrivati ??a Damasco e sono in corso i preparativi per riprendere il lavoro diplomatico, ad eccezione delle sezioni consolari che necessitano di un gran numero di diplomatici.

A proposito della Grecia, da queste immagini l'apertura è questione di settimane.

La fonte ha aggiunto che l'Italia ha recentemente accettato di accreditare un diplomatico siriano come rappresentante della Fao a Roma, e che potrebbe arrivarvi presto per svolgere le sue funzioni. Ieri l'Ordine degli Avvocati siriano ha firmato con l'Ambasciata di Cipro un contratto per affittare alla parte cipriota un edificio ad Abu Rummaneh appartenente all'Ordine degli Avvocati per riaprire la sua ambasciata a Damasco.

In una dichiarazione ad Al-Watan, il capo dell'Ordine degli avvocati, Firas Fares, ha affermato che è stato firmato un contratto con la parte cipriota per riaprire l'ambasciata a Damasco, ritenendo un buon gesto riaprire le ambasciate chiuse, soprattutto quelle europee. Il ministro degli Esteri e degli espatriati, Faisal Miqdad, ha rivelato nelle sue dichiarazioni di pochi giorni fa che ci sono ambasciate aperte, e le ambasciate arabe e occidentali apriranno entro pochi tempo, puntualizzando: "Ma non permetteremo agli Stati Uniti di sabotare l'apertura delle nostre ambasciate».

Al-Miqdad ha aggiunto: “Siamo per il ripristino delle relazioni arabo-arabe, e con ogni sforzo fatto in questo campo, e gli amici russi e altri stanno facendo uno sforzo in questo campo e ci sono incontri in corso, ma per quanto riguarda della situazione tra i paesi arabi, non nascondiamo nulla, e siamo ottimisti sul fatto che ci saranno passi diversi da quelli fatti in passato in questo campo".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti