Questi sono i cinque compiti più importanti della Russia per sopravvivere alla Guerra Mondiale C

Questi sono i cinque compiti più importanti della Russia per sopravvivere alla Guerra Mondiale C

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Benvenuti nella Guerra Mondiale C

L'anno scorso ha visto l'apertura del vaso di Pandora dopo che gli sforzi non coordinati del mondo per contenere il COVID-19 hanno scatenato processi di cambio di paradigma a spettro completo che possono essere meglio descritti come guerra mondiale C. Questa lotta per il futuro del mondo non ha precedenti, influenzando tutto, dal modo in cui le persone interagiscono tra loro e con i loro governi alle relazioni tra gli Stati. Niente sarà più lo stesso dopo il 2020, qualcosa di cui la Russia è profondamente consapevole. Sta quindi facendo del suo meglio per anticipare queste tendenze al fine di evitare di cadere nel suo modello storico di "ritardo" rispetto ai suoi concorrenti. Nello scenario peggiore, la Russia potrebbe non "recuperare il ritardo", motivo per cui i cinque compiti seguenti sono della massima priorità affinché possa sopravvivere alla Guerra Mondiale C nel 2021 e oltre:

1. Continuare a praticare la "diplomazia dei vaccini"

Come l'autore ha affermato alla fine di novembre, "la 'DIplomazia vaccinale' della Russia è la base della sua nuova campagna globale di sensibilizzazione". Ciò che significa questo è che il suo improvviso emergere come superpotenza del vaccino può essere abilmente sfruttato per espandere l'influenza all'interno del suo numero crescente di Stati partner allo scopo di concludere accordi più completi con loro in altri campi come quello politico, militare e soprattutto economico. La cooperazione sui vaccini è probabilmente la forma più intima di legami da Stato a Stato perché il destinatario sta letteralmente mettendo la vita dei propri cittadini nelle mani dei propri partner, che poi iniettano loro quella che è considerata un'inoculazione salvavita per aiutare i paesi il prima possibile allo status quo precedente alla guerra mondiale. Continuando a praticare la sua "diplomazia del vaccino" e mantenendo il suo status di superpotenza in questa sfera, la Russia potrebbe effettivamente riuscire a "saltare avanti" rispetto ai suoi concorrenti e "recuperare il tempo perduto" ripristinando la sua influenza globale persa nel 1991 dopo lo scioglimento dell'URSS. Ancora più importante, la Russia ha anche la possibilità di plasmare in modo più potente l'ordine mondiale emergente se riesce ad avere successo con questo compito cruciale.

2. Guidare il "Great Reset" / "Quarta rivoluzione industriale"

A differenza di quanto credono erroneamente i molti filo-russi non russi (NRPR) nella comunità dei media alternativi, la Russia non è contraria al “Great Reset” / "Quarta rivoluzione industriale" (GR / 4IR) del Forum economico mondiale (WEF), ma è profondamente consapevole di questi piani e intende effettivamente svolgere un ruolo di primo piano nella loro attuazione. Il presidente Putin ha partecipato alla riunione del WEF del 2003 a Mosca, mentre l'ex presidente Medvedev ha partecipato a quella di Davos nel 2011. Il presidente Putin ha anche incontrato il fondatore del WEF Klaus Schwab a San Pietroburgo nel 2007 e 2008. Il suo incontro più recente con la mente del GR / 4IR si è svolto nel novembre 2019, periodo durante il quale il leader russo ha affermato con orgoglio che "abbiamo sempre sostenuto e continueremo a sostenere le nostre relazioni con il forum da voi fondato". Non si può sapere con certezza, ma potrebbe benissimo essere che il libro di Schwab del 2016 sul GR/4IR abbia influenzato la previsione del presidente Putin un anno dopo che "chiunque sia leader nell'IA governerà il mondo", dopo di che ha impegnato il suo paese a diventare il leader mondiale in questo ambito. A tal fine, la Sberbank, gestita dallo Stato russo, sta ora sperimentando il futuro tecnologico della Russia nelle nuove condizioni globali del GR/4IR.

3. Adattarsi al "Great Socio-Civilizational Reset"

I fattori socioculturali e di civiltà non sono immuni dai processi di cambio di paradigma a spettro completo catalizzati dalla guerra mondiale C. L'autore ha scritto in ottobre che è iniziato un “Great Reset socio-civile" in cui le culture di tutto il mondo diventeranno sempre più assertive della loro identità, ma questo non significa inevitabilmente che si scontreranno poiché la cooperazione tra loro è ancora possibile su interessi condivisi come il commercio. Cambiamenti simili si stanno verificando anche all'interno delle civiltà e degli Stati, come la crescente contraddizione tra i punti di vista liberali e conservatori. "Il presidente Assad ha massacrato le quattro vacche sacre del neoliberismo" il mese scorso, dimostrando che è possibile essere sia anti-liberali che contro il fondamentalismo religioso come lo è la Siria secolare. Per quanto riguarda la grande potenza eurasiatica, "Che si tratti di tassi di natalità o di migrazione, la Russia sta per aumentare notevolmente la sua popolazione musulmana" dal momento che il suo mufti ha predetto che il 30% della sua popolazione sarà musulmana entro il 2030. Per adattarsi al meglio a tutto raggiungendo cambiamenti, il presidente Putin ha svelato lo scorso ottobre una nuova politica di governo che l'autore ha descritto come "statismo populista", che ha enormi promesse.

4. Difendersi dall'aggressione occidentale nella nuova guerra fredda

I cambiamenti socio-economici che sono stati descritti in precedenza sono stati naturalmente accompagnati anche da quelli geopolitici, l'ultimo dei quali ha accelerato la Nuova Guerra Fredda in corso tra l'Occidente e le grandi potenze non occidentali come Russia e Cina che è diventata più evidente nel 2014. Gli Stati Uniti stanno cercando di "contenere" i suoi due principali rivali, avendo accumulato un'enorme pressione sulla Russia negli anni successivi, ad esempio imponendo un regime di sanzioni in continua crescita, spostando enormi quantità di equipaggiamento militare verso i suoi confini, destabilizzando gli Stati nella cosiddetta "sfera di influenza" e con il ritiro da patti strategici per il controllo degli armamenti. Le mosse parallele per "contenere" la Cina rappresentano anche una minaccia per gli interessi russi poiché la sicurezza della Grande Potenza eurasiatica dipende in parte anche da quella del suo partner strategico dell'Asia orientale. Inoltre, gli Stati Uniti stanno anche cercando di contenere la crescente influenza della Russia nel "Sud del mondo", in particolare nei paesi a maggioranza musulmana e in Africa. Come si suol dire, tuttavia, "la migliore difesa è un buon attacco", quindi la Russia dovrà affrontare in modo proattivo queste sfide raddoppiando i suoi sforzi di sensibilizzazione globale e dando priorità alle sue caratteristiche risposte asimmetriche.

5. Perfezionare il "bilanciamento" geostrategico

Il più difficile dei cinque compiti più importanti della Russia per sopravvivere alla guerra mondiale C nel 2021 e oltre è quello di perfezionare il suo "bilanciamento" geostrategico, che l'autore ha criticato in modo costruttivo durante l'estate con l'intento di suggerire soluzioni realistiche per correggere le sue principali carenze. I fulcri più impegnativi in questo senso oggigiorno sono tra Cina e India e Iran e "Israele". Il primo è stato affrontato più di recente nell'analisi dell'autore su come "La risposta non ufficiale della Russia all'India è andata bene" (che cita due precedenti analisi correlate all'inizio del testo che dovrebbero essere riviste dal lettore per il contesto di sfondo) e "Gli esperti russi e iraniani hanno finalmente discusso le loro differenze sulla Siria”. Il primo fa anche molto affidamento sulla sua analisi del settembre 2020 che chiede "La Russia sta 'abbandonando' o 'ricalibrando' il suo 'bilanciamento' tra Cina e India?" mentre il secondo è stato similmente influenzato dal pezzo del settembre 2019 intitolato "Strategia russa per il Medio Oriente: 'equilibrio' contro 'tradimento'?" La tendenza generale è che "i progressisti della politica estera russa hanno trombato i tradizionalisti", come l'autore ha osservato per la prima volta nel settembre 2017, che continuerà a svilupparsi nel futuro.

--------------------

Guardando avanti, la Russia ha molte ragioni per essere cautamente ottimista riguardo al 2021. L'anno scorso ha visto la Grande Potenza eurasiatica emergere improvvisamente come la superpotenza globale dei vaccini che pratica attivamente la "diplomazia del vaccino" in ogni angolo del mondo. Ha anche visto la Russia compiere progressi tangibili nel tentativo di guidare il "Grande Reset” / "Quarta rivoluzione industriale" in seguito all'attuazione dei piani visionari di Sberbank gestiti dallo Stato per diventare un attore tecnologico globale. Inoltre, la Russia si sta rapidamente adattando al "Grande Reset socio-civile" e ad altre sfide correlate attraverso la rivelazione non ufficiale del presidente Putin di un nuovo modello di governo che può essere meglio descritto come "statalismo populista". Le sfide più grandi, tuttavia, sono la necessità di difendersi dall'aggressione occidentale nella Nuova Guerra Fredda e perfezionare il suo sempre più complesso atto di “bilanciamento”. Tuttavia, con il presidente Putin ancora al timone, le prospettive di successo della Russia rimangono molto promettenti.

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso? di Francesco Erspamer  Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando di Paolo Desogus Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

No, il Calcio non siete voi! di Antonio Di Siena No, il Calcio non siete voi!

No, il Calcio non siete voi!

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti