Sfida Europa-Cina per l'idrogeno. Una guerra commerciale da 700 miliardi dollari

Sfida Europa-Cina per l'idrogeno. Una guerra commerciale da 700 miliardi dollari

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


L'uso dell'idrogeno è essenziale non solo per ridurre le emissioni di gas serra, ma anche per prevenire le peggiori conseguenze del cambiamento climatico. In quanto tale, questa proposta ha innescato una corsa globale per costruire un'attività che potrebbe valere miliardi di dollari nel prossimo futuro.


 
Il Giappone e la Corea del Sud si sono già concentrati sull'utilizzo di più idrogeno come carburante per i trasporti. I suoi esperti ritengono che questo elemento chimico potrebbe essere la chiave per spostare camion, treni e aeroplani. Ad esempio, la società sudcoreana Hyundai prevede di esportare 64.000 veicoli pesanti alimentati da questo carburante entro il 2030. 
 
L'Unione Europea intende investire quasi 550 miliardi di dollari nello sviluppo di infrastrutture per l'idrogeno, mentre l' Arabia Saudita sta valutando la costruzione di un impianto di ammoniaca a base di idrogeno che sarebbe alimentato da energie rinnovabili e costerebbe 5 miliardi di dollari. A livello globale, è probabile che questo business finirà per essere valutato a circa $ 700 miliardi entro il 2050, secondo gli analisti dell'agenzia BloombergNEF.
 
"Alcuni paesi si scontrano per raggiungere la propria quota di mercato. Noi la chiamiamo guerre dell'idrogeno per il modo in cui i governi si affrettano a sovvenzionare questi progetti per essere leader [nel settore]", ha detto Gero Farruggio responsabile delle energie rinnovabili presso la società di ricerca Rystad Energy ai media statunitensi,.
 
Una vecchia idea riceve un nuovo impulso
 
L'uso dell'idrogeno come fonte di energia non è un'idea nuova. Nasce quasi un secolo fa, nel 1927, anno in cui fu installata una macchina elettrica per la produzione di gas in Norvegia con l'obiettivo di aiutare a produrre fertilizzanti. Da allora, è stato utilizzato nella produzione di zeppelin, motori a razzo e armi nucleari.
 
Oggi diverse industrie, principalmente quelle specializzate nella raffinazione del petrolio e nella produzione chimica, dipendono già dall'idrogeno. Di norma, usano combustibili fossili per produrlo, emettendo grandi volumi di CO2 che in termini annuali possono eguagliare quelli prodotti dalle economie britanniche e indonesiane messe insieme, hanno stimato l'Agenzia internazionale per l'energia.
 
Tuttavia, l'idrogeno può essere prodotto senza produrre emissioni di carbonio, soprattutto se viene prodotto utilizzando macchine alimentate da energia rinnovabile. Questo metodo riduce al minimo l'impronta di carbonio perché quando viene bruciato l'idrogeno di solito emette principalmente vapore acqueo.
 
Tuttavia, questa tecnologia ha i suoi svantaggi. L'idrogeno è costoso da produrre quando i gas serra non vengono espulsi, è difficile da immagazzinare e, non ultimo, è altamente infiammabile. Tuttavia, questa volta le cose sembrano andare diversamente, ha detto a Bloomberg David Hart, direttore della società di consulenza E4tech in Svizzera.
 
L'UE e le sue aziende si preparano a conquistare il mercato 
 
Attualmente l'Europa si sta muovendo in modo aggressivo in questo mercato, sottolinea il giornalista Will Mathis nel suo articolo per l'agenzia. Così, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha posto il Green Agreement al centro di un ambizioso piano energetico per il blocco del valore di 750.000 milioni di euro (circa 873.000 milioni di dollari). Il suo obiettivo principale sarà costruire in questo decennio la capacità di 40 gigawatt che lo aiuterebbero a produrre idrogeno da fonti rinnovabili. 
 
L'azienda danese Green Hydrogen Systems è quella che ha tutte le carte in regola per diventare una delle più grandi che presto agirà in questo settore. Quando Niels-Arne Baden è entrata a far parte di Green Hydrogen Systems nel 2014 come CEO, l'azienda stava solo testando le sue macchine. Per anni l'azienda era stata coinvolta in alcuni piccoli progetti dimostrativi, principalmente in Danimarca. In particolare, ha consegnato i suoi elettrolizzatori per i test e poi li ha smontati.
 
"Non c'era mercato. C'erano solo progetti e molte idee", ricorda Baden.
 
Tuttavia, la situazione è cambiata dal 2019. In una fiera industriale tenutasi nella città tedesca di Hannover, i dirigenti di diverse aziende automobilistiche e produttori di turbine eoliche erano interessati a come gli elettrolizzatori potessero aiutarli a immagazzinare parte della loro elettricità a basso costo e rinnovabile. Alla fine i loro ordini invasero l'azienda.
"Non c'era alcuna possibilità di consegnare i volumi che avevamo previsto", sottolinea Baden.
 
Di conseguenza, nel 2019 la società si è rivolta al fondo di venture capital danese Nordic Alpha Partners per raccogliere il nuovo capitale necessario per espandere la propria produzione. 
 
La Cina è alle calcagna 
 
Mentre l'Europa ha piani ambiziosi per ridurre le proprie emissioni, la Cina con i suoi sta recuperando terreno in questa corsa . Il presidente Xi Jinping ha recentemente annunciato che il suo paese diventerà neutrale entro il 2060 rispetto alle emissioni di CO2.
 
Ora, nella regione cinese della Mongolia Interna, è in costruzione un gigantesco parco eolico e solare per la produzione di idrogeno. Il 29 ottobre, la più grande raffineria di petrolio della nazione, Sinopec, ha annunciato che avrebbe investito le proprie risorse per diventare un "attore importante" in questo settore. 
 
Oggi la Cina è il più grande ed economico produttore di elettrolizzatori che trae vantaggio dal basso costo della manodopera e delle materie prime.
 
Cockerill Jingli Hydrogen, una joint venture fondata in Cina dalla nazionale Suzhou Jingli Hydrogen Manufacturing Equipment e dal belga John Cockerill, ha aperto una fabbrica di 18.000 metri quadrati nel 2019 con la capacità di produrre 350 megawatt di elettrolizzatori all'anno. La sua potenza dovrebbe aumentare fino a 500 megawatt.
 
"I cinesi hanno sempre un vantaggio in quanto vanno veloci. E non appena raggiungono la massa critica, sono in grado di esportare", ha avvertito Bloomberg Edgare Kerkwijk, amministratore delegato della società di consulenza Asia Green Capital Partners.
 
I produttori europei stanno cercando di tenere il passo. Green Hydrogen Systems, la britannica ITM Power e la norvegese Nel ASA stanno cercando di aprire stabilimenti entro un anno con una capacità annuale combinata di circa 830 megawatt.
 
La tedesca Thyssenkrupp AG garantisce di produrre già elettrolizzatori con una potenza di 1.000 megawatt all'anno. Nel frattempo alla Siemens Energy AG, anche in Germania, la produzione di elettrolizzatori è cresciuta di circa 10 volte all'anno, ha affermato Armin Schnettler, vicepresidente esecutivo per la nuova attività energetica della società.
 
La Cina deve ancora entrare nel mercato europeo, ma il CEO di Nel ASA Jon Andre Lokke avverte che è solo questione di tempo.
 
"Siamo molto avanti nel gioco. Ma dobbiamo correre molto, molto veloci", ha concluso.
 

Trump e la quinta colonna del peggior capitalismo di Francesco Erspamer  Trump e la quinta colonna del peggior capitalismo

Trump e la quinta colonna del peggior capitalismo

Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco di Paolo Desogus Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco

Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE di Giorgio Cremaschi 29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

E ora che succede con la seconda dose Pfizer? di Francesco Santoianni E ora che succede con la seconda dose Pfizer?

E ora che succede con la seconda dose Pfizer?

La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica   di Bruno Guigue La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica

La farsa di Capitol Hill e la fiction democratica

I deliri darwinisti di Monti di Antonio Di Siena I deliri darwinisti di Monti

I deliri darwinisti di Monti

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti