Sulla nuova incredibile censura di Open contro l'AntiDiplomatico

Sulla nuova incredibile censura di Open contro l'AntiDiplomatico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



AGGIRA E COMBATTI LE CENSURE CONTRO L'ANTIDIPLOMATICO. SEGUICI SUL NOSTRO CANALE TELEGRAM


di Alessandro Bianchi

In qualità di insindacabili Leviatani del web, David Puente e Open di Enrico Mentana hanno deciso di censurare nuovamente un post Facebook de l’AntiDiplomatico, ledendo per l’ennesima volta i nostri diritti come testata giornalistica regolarmente registrata.





Secondo il signor Puente sarebbe “falsa” la nostra opinione espressa sul servizio del Tg 1 che, sul ritorno del giornalista italiano Sorbi ferito da una mina ucraina (di fabbricazione NATO?), non faceva nessun riferimento al ruolo di primo soccorso dei soldati russi e le cure effettuate in un ospedale controllato dalle forze russe  – nonostante lo stesso Sorbi ne facesse unica menzione chiara nel servizio stesso. La giornalista del Tg1, al contrario, parlava solo di “medici ucraini”, lasciando chiaramente intendere che le cure fossero state effettuate in un ospedale controllato dall'Ucraina.

LEGGI MEMORANDUM. Una moderna tragedia greca. Di Antonio Di Siena

Sorbi è stato ferito da una mina del regime di Kiev. Ha avuto i primi soccorsi dai soldati russi ed è stato curato in un ospedale sotto il controllo diretto delle forze russe.

Questi sono i fatti, ma viviamo in un paese per cui il signor Puente e la testata giornalistica a noi concorrente, Open, hanno la possibilità di censurare la nostra OPINIONE su un servizio del TG1 che secondo noi non li ha ricostruiti correttamente.

Il post Facebook con cui avevamo diffuso la nostra opinione è stato censurato per l’opera di “fact checker indipendenti” (ci sarebbe da sorridere se non fosse così tragico il tutto!) che rimandano appunto all’opinione del signor Puente, con un titolo da Istituto Luce: "No! Il TG1 non ha «capovolto la realtà» sul caso Mattia Sorbi e i medici ucraini"





A voi sembra normale? Vi sembra di vivere ancora in un paese democratico che tuteli e rispetti le OPINIONI diverse? Soprattutto considerando che siamo una TESTATA GIORNALISTICA REGOLARMENTE REGISTRATA?

A noi no. A noi - che non solo non ci permetteremo mai di censurare l’opinione del signor Puente, ma avremmo semplicemente i brividi a vivere in un paese che ci permettesse di farlo - NO.

Pensiero, quello del signor Puente, che, nella sua analisi giustificatoria della censura, resta estremamente debole, ai limiti del dilettantesco.

Debole perché omette volutamente, da un lato, la provenienza della mina che ha ferito Sorbi, il ruolo dell’esercito ucraino prima e quello russo di primo soccorso poi.

Debole perché, dall’altro lato, il suo intento è chiaramente fuorviante: identificare i “medici ucraini” con il regime di Kiev è - quello si - volutamente falso. Si tratta di medici “ucraini” che lavorano in un ospedale controllato dai russi e che presto potrebbero diventare medici "russi" con il referendum di annessione che avverrà in quelle aeree. Semplicemente è l'aspetto meno rilevante di tutta la vicenda se non per chi, come il signor Puente, ha fretta nel voler mistificare i fatti che RIPETIAMO sono i seguenti: Il giornalista italiano è stato ferito da una mina del regime di Kiev. Ha avuto i primi soccorsi dai soldati russi ed è stato curato in un ospedale sotto il controllo diretto delle forze russe. 

A parte le opinioni e le ricostruzioni deboli ai limiti del dilettantesco del signor Puente, resterebbe il nostro diritto come testata giornalistica di poter commentare un servizio del TG 1, lasciando ai nostri lettori la possibilità di criticarci e soprattutto farsi una loro opinione.

Questo diritto, che sarebbe il pilastro base di ogni democrazia, è drammaticamente leso dall’azione repressiva e insindacabile di Mentana e dei suoi scagnozzi del web. Se ancora non vi siete allarmati della deriva autoritaria in corso nel nostro paese… beh temiamo che di tempo per tutti noi ne sia rimasto veramente poco.


P.s. La nostra pagina Facebook è già in shadowbanning - significa come ci ricorda ogni giorno la multinazionale nord-americana che è limitata nella diffusione e potrebbe essere presto chiusa - per un post satirico delle fake news raccontate tra gli altri da Open e per una dichiarazione rilasciata da un luminare del British Medical Journal. Chiaramente tutte e due le censure avvenute per l'azione degli stessi "fact checker indipendenti".

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da L'AntiDiplomatico (@lantidiplomatico)


La nostra pagina Facebook è a rischio chiusura a rischio chiusura per la vergognosa opera di censura da parte di Open. Il consiglio è di segnarvi al canale Telegram e alla pagina nuova di riserva Facebook (l’AntiDiplomatico2)


P.S. 2 In questa foga di sostegno acritico all'Ucraina, i "fackcheker indipendenti" si sono dimenticati dell'ennesimo crimine di guerra e contro l'umanità di oggi contro Donetsk con armi Nato. Sono morti due bambini.

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

L'IRA Usa si abbatte sulla dormiente Europa di Paolo Desogus L'IRA Usa si abbatte sulla dormiente Europa

L'IRA Usa si abbatte sulla dormiente Europa

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Il Corriere della Sera e l'ultima (incredibile) fake sui soldati russi di Francesco Santoianni Il Corriere della Sera e l'ultima (incredibile) fake sui soldati russi

Il Corriere della Sera e l'ultima (incredibile) fake sui soldati russi

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Terremoto in Siria. Via le sanzioni o almeno tacete di Alberto Fazolo Terremoto in Siria. Via le sanzioni o almeno tacete

Terremoto in Siria. Via le sanzioni o almeno tacete

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

PNRR. Le gravi bugie (per omissione) della Corte dei Conti di Gilberto Trombetta PNRR. Le gravi bugie (per omissione) della Corte dei Conti

PNRR. Le gravi bugie (per omissione) della Corte dei Conti

Come Londra trama per l'eliminazione di Saif Gheddafi di Michelangelo Severgnini Come Londra trama per l'eliminazione di Saif Gheddafi

Come Londra trama per l'eliminazione di Saif Gheddafi

I Sonnambuli di oggi  di Giuseppe Masala I Sonnambuli di oggi

I Sonnambuli di oggi

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Baidu lancia ERNIE Bot. Resa dei conti nell'AI di  Leo Essen Baidu lancia ERNIE Bot. Resa dei conti nell'AI

Baidu lancia ERNIE Bot. Resa dei conti nell'AI

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente