Taiwan, la Cina risponde agli USA: inviati 29 aerei da guerra per "contrastare l'intervento delle portaerei statunitensi"

Taiwan, la Cina risponde agli USA: inviati 29 aerei da guerra per "contrastare l'intervento delle portaerei statunitensi"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 

Schermaglie intorno a Taiwan dove gli Stati Uniti hanno deciso di alzare la tensione per aprire un fronte contro la Cina. Pechino tuttavia ha chiarito in reiterate occasioni che non accetterà ingerenze su una questione, quella dell’indipendenza di Taiwan, che ritiene pertinente alla sovranità cinese. 

Ventinove aerei da guerra dell'Esercito Popolare Cinese di Liberazione (PLA) sono entrati nell'isola della zona di identificazione della difesa aerea autoproclamata di Taiwan, secondo quanto informa il quotidiano cinese Global Times, segnando la terza più grande esercitazione aerea dell'EPL intorno a Taiwan quest'anno, che secondo gli osservatori militari cinesi indica che l'EPL potrebbe voler praticare nuove tattiche per contrastare il possibile intervento di una portaerei statunitense.

I 29 aerei da guerra, vale a dire un aereo da guerra elettronica Y-9, un aereo di intelligence elettronica Y-8, sei bombardieri H-6, un aereo di rifornimento aereo Y-20, due aerei di allerta precoce KJ-500, otto caccia da combattimento J-16, quattro caccia da combattimento Su-30, cinque J-11 e un aereo da guerra anti-sottomarino Y-8, sono entrati martedì nell'autoproclamata zona di identificazione della difesa aerea sud-occidentale di Taiwan, ha affermato l'autorità di difesa dell'isola in un comunicato stampa.

Si tratta della terza più grande esercitazione aerea dell'EPL intorno a Taiwan nel 2022. La più grande esercitazione comprendeva 38 aerei da guerra il 23 gennaio e la seconda più grande comprendeva 30 aerei da guerra il 30 maggio, secondo quanto riferito dai media dell'isola. La più grande in assoluto risale all’ottobre del 2021 con 56 velivoli militari. 

L'esercitazione dell'EPL costituisce quasi una risposta alle mosse sempre più radicali e pericolose degli Stati Uniti sulla questione di Taiwan, inclusa la sfida alla politica della Cina unica e l'esaltazione dello status legale dello Stretto di Taiwan, con esperti che ritengono che gli Stati Uniti si stiano allontanando dalla loro decennale ambiguità strategica su Taiwan per attuare una politica di concorrenza e confronto con la Cina. Le mossa cinese arriva prima del vertice del G7 e del vertice della NATO e gli analisti hanno affermato che gli Stati Uniti intendono incitare i suoi alleati, in particolare quelli in Europa, a creare insieme disordini nella regione Asia-Pacifico per il loro obiettivo strategico di contenere la Cina.

Gli analisti spiegano che le mosse pericolose degli Stati Uniti aumenteranno solo il rischio di scontri tra Cina e Stati Uniti e che essere una pedina nella strategia della linea dura degli Stati Uniti nei confronti della Cina potrebbe portare l'isola a una conseguenza catastrofica che non può permettersi poiché la Cina continentale ha un molte giocate a disposizione, compresa l’opzione militare.

L’EPL effettua di routine pattugliamenti ed esercitazioni intorno all’isola di Taiwan. L’ultima esercitazione indica, secondo gli esperti militari, che l'EPL potrebbe mettere in pratica alcune delle sue nuove tattiche per contrastare il possibile intervento di portaerei statunitensi. 

Secondo le traiettorie di volo fornite dall'autorità di difesa di Taiwan, i velivoli dell'EPL probabilmente hanno operato in tre gruppi, ha spiegato al Global Times un esperto militare cinese. 

Il primo gruppo era composto da un aereo da guerra elettronica Y-9, un aereo di intelligence elettronica Y-8 e sei bombardieri H-6, mentre volavano dalla Cina continentale a sud-ovest di Taiwan, attraversavano il Canale Bashi a sud di esso, raggiungevano il lato sud-est dell'isola, e poi è tornato dallo stesso corso dopo essere andato in profondità nel Mar delle Filippine. Questo gruppo ha probabilmente effettuato un'esercitazione anti-accesso/negazione dell'area contro il possibile intervento delle portaerei statunitensi, poiché una grande flotta di bombardieri H-6 potrebbe lanciare attacchi di saturazione con missili anti-nave sotto la copertura e il supporto di guerra elettronica e aerei dell'intelligence.

Una portaerei statunitense, la USS Abraham Lincoln, ha operato di recente nel Mar delle Filippine, secondo la 7a flotta statunitense. Quando le portaerei statunitensi si erano precedentemente avvicinate all'isola di Taiwan e al Mar Cinese Meridionale, l'EPL ha sempre inviato bombardieri nella zona. 

Il secondo gruppo consisteva in un aereo da rifornimento aereo Y-20, due aerei di allerta precoce KJ-500 e 17 caccia da combattimento. 

I caccia probabilmente servivano allo scopo di conquistare la superiorità aerea e scortare l'aereo di rifornimento aereo Y-20 e il velivolo di allerta precoce KJ-500 in una zona sicura, poiché questi ultimi sono vulnerabili agli attacchi da soli ma possono fornire vantaggi chiave sul campo di battaglia.

Con l'aereo da rifornimento aereo Y-20, altri aerei da guerra possono avere un tempo di volo più lungo e rimanere operativi per periodi maggiori senza dover tornare alla base. Con il velivolo di allerta precoce KJ-500, il PLA può godere di una maggiore consapevolezza sul campo di battaglia e i caccia da combattimento possono lanciare attacchi senza utilizzare i propri radar grazie ai dati di guida dei KJ-500, hanno affermato gli analisti.

Il terzo gruppo, composto solo da un aereo da guerra anti-sottomarino Y-8, pattugliava le acque a sud-ovest dello Stretto di Taiwan. Probabilmente essere alla ricerca di attività subacquee e di superficie ostili e condividere l'intelligence con altre unità marittime e aeree.

Questa sembra essere la prima volta che l'EPL ha praticato questa combinazione di tattiche nelle esercitazioni di routine intorno all'isola di Taiwan, ed è molto orientato al combattimento, dimostrando che la preparazione al combattimento dell'EPL viene migliorata ogni giorno, hanno affermato gli esperti.

Quindi secondo diversi osservatori cinesi i secessionisti di Taiwan e le forze esterne come gli USA che soffiano sul fuoco, devono comprendere la determinazione, la fiducia e la capacità dell'EPL nel risolvere la questione di Taiwan con la forza, se si arriva a questo punto, e devono fermare tutte le provocazioni o subirne le conseguenze. 

Si approssima una nuova Ucraina? Ancora una volta il pallino sembra essere nelle mani di Stati Uniti e vassalli. 

Però gli Stati Uniti sembrano intenzionati a voler tirare ancora la corda: l’ex segretario alla Difesa degli Stati Uniti Mark Esper ha dichiarato che la politica della Cina unica è sopravvissuta alla sua utilità, affermando che le persone nell'isola li identificano come "taiwanesi" e Taiwan ha una solida democrazia ed economia, come riportato dal McCain Institute. 

Uno studioso di studi americani da Shangai, citato dal Global Times, ha definito le osservazioni di Esper "sciocchezze e irresponsabili”. La Cina ha ripetutamente affermato che la questione di Taiwan è la questione più importante e delicata nelle relazioni Cina-USA e il nucleo della questione di Taiwan è "una Cina".

Se il governo degli Stati Uniti lo cambiasse, rovinerebbe completamente le relazioni tra Cina e Stati Uniti, ha avvertito lo studioso.

Gli analisti hanno affermato che le mosse radicali degli Stati Uniti sulla questione di Taiwan hanno recentemente mostrato il suo scopo strategico di cercare di creare turbolenze e crisi nella regione Asia-Pacifico per contenere la Cina, poiché Taiwan è vista dagli Stati Uniti come la sua carta più efficace.

Gli Stati Uniti considerano sempre più la regione Asia-Pacifico come il fulcro della loro strategia globale e Taiwan ne è una parte importante, ha affermato lo studioso.

Per i suoi alleati, l'approccio degli Stati Uniti a Taiwan è servito anche da cartina di tornasole per la credibilità degli impegni degli Stati Uniti nei confronti degli alleati. 

Un comportamento che va in direzione contraria rispetto alle affermazioni del presidente Biden, il quale in una telefonata con il suo omologo cinese Xi Jinping ha sostenuto che he gli Stati Uniti non cercano una nuova guerra fredda con la Cina; non mirano a cambiare il sistema cinese; il rilancio delle alleanze non è mirato alla Cina; che gli Stati Uniti non supportano "l'indipendenza di Taiwan"; e non hanno alcuna intenzione di cercare un conflitto con la Cina.

 

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde di Marinella Mondaini La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale