Tensioni Libano-Israele. Nasrallah: "Missili puntati sul campo di Karish"

Tensioni Libano-Israele. Nasrallah: "Missili puntati sul campo di Karish"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Mediterraneo orientale è un fronte caldo da sempre e la questione delle acque territoriali contese tra Libano e Israele per la conseguente estrazione di gas, rischiano di esacerbare le tensioni. Senza un accordo entro il 15 settembre, il Movimento di resistenza libanese Hezbollah aveva già avvertito che avrebbe attaccato il campo di estrazione di Karish. Finora, come era facile prevedere, la mediazione statunitense non ha dato frutti.

Il segretario generale di Hezbollah, Seyed Hasan Nasrallah, oggi, ha pronunciato questo sabato un discorso in occasione dell'Arbain.

Durante il suo discorso, Nasrallah ha elogiato la resistenza dei giovani palestinesi e i sacrifici che fanno per difendere il loro territorio e ha affermato che l'alleanza della Resistenza, che sostiene l'Iran, è l'unica speranza per affrontare i nemici.

Nasrallah: non si accettano garanzie statunitensi

Inoltre, Nasrallah ha ricordato il 40° anniversario del massacro di circa 3.500 palestinesi e libanesi nei campi profughi di Sabra e Chatila per mano dei falangisti libanesi, armati e patrocinati dal regime israeliano; l'orrendo genocidio ebbe luogo dal 16 al 18 settembre 1982, tre mesi dopo che Israele aveva invaso il territorio libanese.

A questo proposito ha denunciato che la garanzia offerta dagli USA ai profughi in quel momento di lasciare i loro campi in un luogo sicuro non ha giovato né ai palestinesi né ai libanesi; Data questa situazione, ha aggiunto, i palestinesi si sono sicuramente resi conto che nessun dialogo con gli americani avrà alcun risultato e l'unica opzione è la resistenza.

"Chiunque accetta le garanzie degli Stati Uniti è come qualcuno che accetta di portare i propri uomini, donne e bambini al macello ", ha spiegato.

Missili puntati sul campo di Karish

Allo stesso tempo, Nasrallah ha alluso alla disputa tra Libano e Israele sul giacimento di gas di Karish e ha sottolineato che la Resistenza offre l'opportunità di negoziati, "ma i nostri missili sono puntati su Karish".

"Non possiamo consentire l'estrazione di petrolio e gas dal giacimento di Karish prima che il Libano ottenga le sue legittime richieste", ha ricordato, chiarendo in seguito che l'estrazione di gas da questo giacimento di gas è la "linea rossa" di Hezbollah.

Infatti, ha sottolineato il leader di Hezbollah, nessuna delle minacce nemiche colpisce la Resistenza libanese.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden di Marinella Mondaini Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest? di Antonio Di Siena Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest?

Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest?

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti