Smontare la propaganda del blocco. Il primo obiettivo del prossimo Parlamento del Venezuela

Smontare la propaganda del blocco. Il primo obiettivo del prossimo Parlamento del Venezuela

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 


Mision Verdad



La gestione di Julio Borges alla presidenza del Parlamento nazionale durante il 2017 è stata cruciale per la promozione e la legittimazione presso l'opinione pubblica dell'applicazione delle misure coercitive e unilaterali (MCU) contro il paese.

 

Sebbene sia noto che Borges non aveva le capacità con i suoi mezzi per realizzare queste azioni, il suo ruolo in parlamento era fondamentale per dare credito alle narrazioni statunitensi che il blocco si stava svolgendo come misura su richiesta “dell’unico potere legittimo nel paese", riferendosi all'Assemblea Nazionale (AN).

 

Borges inoltre non aveva la capacità di esercitare pressioni per specifiche aree di applicazione del MCU o la capacità di influenzare le decisioni dei suoi esecutori; tuttavia, è stato un attore di primo piano nella costruzione del racconto della "crisi umanitaria" che è servito come argomento per l'applicazione di queste misure.

 

Nel 2017, il presidente Nicolás Maduro ebbe a dichiarare: "Ho chiesto al presidente della Corte Suprema di Giustizia e al presidente dell'Assemblea Nazionale Costituente di avviare un processo storico per tradimento contro tutti coloro che hanno richiesto queste sanzioni economiche che sono state prese e che danneggiano la nostra vita economica".

 

Da allora, azioni legali nel paese sono state dirette contro operatori specifici come Julio Borges. Ma, lo sappiamo, queste azioni non sono riuscite a presentare un'impalcatura che vada oltre gli attori venezuelani.

 

Così, nel corso del 2019 e finora nel 2020 la figura del parlamento nazionale è servita a dare “rendimento politico“ alle azioni di asfissia nei confronti del Paese.

 

QUANDO LA VALUTA È IL NORD

 

L'avvento del falso governo di Juan Guaidó è stato il fattore centrale per l'applicabilità e l'intensificazione delle misure di asfissia contro il Venezuela durante il 2020.

 

Queste azioni sono state sostenute da Washington nel bel mezzo della sua campagna elettorale. A scapito di una frenetica ricerca di sostegno nello Stato chiave della Florida, l'amministrazione Trump ha rilanciato il blocco contro Cuba e ha rafforzato la sua politica ostile contro il Venezuela.

 

Il governo degli Stati Uniti ha optato per una politica di smantellamento del potere politico in Venezuela e ha mostrato il paese come un modello da "vetrina" dove mostrava la sua "massima pressione".

 

Ovviamente, intendevano capitalizzare lo smembramento del Venezuela per scopi chiaramente funzionali alla rielezione di Trump questo 2020 e, ovviamente, per ragioni strategiche che risiedono nell'avidità nordamericana per le risorse venezuelane.

 

Tuttavia, l'assimilazione del blocco ha avuto altri significati all'interno della politica venezuelana. Alla fine di agosto di quest'anno, Hinterlaces ha pubblicato uno studio d'opinione in cui ha indicato che l'81% della popolazione venezuelana era "in disaccordo con le sanzioni economiche e finanziarie per rimuovere il presidente Maduro dal potere".

 

Nello stesso studio, l'83% degli intervistati ha convenuto che queste sanzioni danneggiano la popolazione e non il presidente e i suoi funzionari.

 

Se i risultati di Hinterlaces fossero del tutto o parzialmente attendibili, ci troveremmo di fronte a una rottura del nucleo delle narrazioni che legittimavano, all'epoca, le misure contro il Paese.

 

Ciò significa che la presunta "legittimità" parlamentare che le ha generate è stata sopraffatta nella sfera della politica interna e persiste fino ad oggi strettamente per il fronte esterno, per continuare la pressione contro il Venezuela.

 

Nell'agosto di quest'anno, il rappresentante speciale degli Stati Uniti per il Venezuela, Elliott Abrams, ha dichiarato in un'audizione della Commissione Affari Esteri del Senato che il sostegno di Donald Trump al falso governo "non muterà” nonostante le elezioni parlamentari.

 

Questo implica la continuazione in maniera artificiale del "governo" Guaidó in nome della ormai messa in discussione legittimità del Parlamento, in vigore fino a gennaio, quando si insedierà l'Assemblea corrispondente al periodo 2021-2026.

 

Diamo un'occhiata all'importanza delle narrazioni per plasmare l'opinione pubblica e l'uso strumentale del potere legislativo venezuelano per tali scopi. Nella stessa apparizione Abrams disse:

 

"Guaidó è stato scelto democraticamente all'interno dell'AN con il voto di deputati democraticamente eletti. Non siamo stati noi (gli Stati Uniti) a metterlo lì, è stata la Costituzione del Venezuela".

 

SMONTARE IL BLOCCO

 

Nonostante l'eventuale cambio di governo negli Stati Uniti, va detto che non è prevista alcuna modifica nella roadmap che faccia supporre gli statunitensi smettano di ritenere legittima l’AN uscente.

 

Tuttavia, i media statunitensi come il Washington Post e il New York Times suggeriscono che colpi di scena nella politica statunitense con Biden sarebbero arrivati ??con un probabile allontanamento da Juan Guaidó.

 

Ma questo non significa che l’AN non continui ad essere il fulcro essenziale della legittimazione del blocco.

 

Lo scenario più probabile dopo le elezioni di dicembre è quello di un AN parallela smembrata e ridotta di Guaidó, che continuerà a essere "legittima” e "legale" grazie al sostegno degli Stati Uniti, consumando lo spostamento di quei settori anti-chavisti fuori dalla scena venezuelana ed esistenti solo sul fronte esterno.

 

Ovviamente, questo non è lo scenario immaginato dagli statunitensi. Presumevano che a questo punto il presidente Maduro non sarebbe stato in carica e che le elezioni parlamentari non avrebbero fatto evolvere l'attuale AN nell'ostracismo istituzionale interno ed esterno in cui versa oggi.

 

Ciò detto, il contesto a breve termine deve essere interpretato come uno spazio di opportunità politiche. La prossima AN ha l'obbligo politico di agire all'interno e all'esterno del paese per realizzare lo smantellamento delle misure di blocco contro il Venezuela.

 

Questa deve anche essere una delle proposte del chavismo. Proprio come l'AN è stata la chiave per costruire le narrazioni favorevoli al blocco, deve anche essere la chiave per invertirle. Sebbene questo lavoro sia considerato ampiamente realizzato all'interno del paese, non è così al di fuori.

 

Il nuovo parlamento dovrebbe considerare la creazione di commissioni per sostenere e accompagnare l'esecutivo nazionale in tutti i passaggi per denunciare e richiedere l'abrogazione del MCU contro il paese.

 

Dovrebbe prendere in considerazione la creazione di squadre di vari partiti politici che allacciano legami con altre organizzazioni all'estero, con i media, con le istituzioni internazionali, per proporre lo smantellamento del blocco contro il Paese.

 

A questo punto, un'opposizione venezuelana contraria al blocco è fondamentale. E dovrebbe servire a promuovere il crollo del consenso internazionale sul blocco, andando dalle lobby dell'Unione Europea e degli Stati Uniti per sostenere il fatto che ci sarà una nuova AN democraticamente eletta, diversificata, che assume una posizione contraria al permanere del blocco statunitense.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

 

Potrebbe anche interessarti

Trump e la quinta colonna del peggior capitalismo di Francesco Erspamer  Trump e la quinta colonna del peggior capitalismo

Trump e la quinta colonna del peggior capitalismo

Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco di Paolo Desogus Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco

Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE di Giorgio Cremaschi 29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

E ora che succede con la seconda dose Pfizer? di Francesco Santoianni E ora che succede con la seconda dose Pfizer?

E ora che succede con la seconda dose Pfizer?

La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica   di Bruno Guigue La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica

La farsa di Capitol Hill e la fiction democratica

I deliri darwinisti di Monti di Antonio Di Siena I deliri darwinisti di Monti

I deliri darwinisti di Monti

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti