Webinar UWI sulla Libia e il Mediterraneo: problematiche del dialogo interno e regionale

Webinar UWI sulla Libia e il Mediterraneo: problematiche del dialogo interno e regionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

United World International ha organizzato un webinar intitolato "Il rinvio delle elezioni in Libia e la ricerca della pace nel Mediterraneo orientale" il 28 dicembre. 

Il webinar ha ospitato 2 relatori dalla Libia e 2 dalla Turchia. Dalla Libia, il Dr. Issa Tuwegiar, ex ministro della Pianificazione e attualmente presidente della Fondazione libica per lo sviluppo e l'imprenditoria e il Dr. Mahmud Ahmed Alftise, ex ministro dell’Industria e consulente privato in pianificazione strategica hanno parlato.

Da parte turca, Uluç Özülker, ambasciatore in pensione, che ha anche servito a Tripoli tra il 1993 e il 1995 e Cihat Yayc?, ex capo di stato maggiore delle forze navali turche e attualmente presidente del Turkish Maritime and Global Strategies Center. 

Il webinar è stato seguito da diversi giornalisti internazionali e trasmesso su YouTube. Può essere visto qui:


DR. ISSA: "STIAMO CERCANDO UN'ALLEANZA STRATEGICA A LUNGO TERMINE CON LA TURCHIA"

Il dottor Issa ha tenuto la prima presentazione nel webinar. Ha affermato: "Molti paesi, compresi gli Stati Uniti, hanno fatto l'errore di sostenere Haftar a venire a Tripoli. Ma con l'aiuto della Turchia e con la nostra posizione decisa che non torneremo mai alla dittatura, siamo stati in grado di fermare e sconfiggere Haftar e ricacciarlo indietro".  Ha continuato facendo riferimento alle elezioni in corso e ha dichiarato quanto segue:   

"Ma il paese è rimasto diviso in Est e Ovest. E non importa che tipo di accordo si faccia con Haftar, lui sfida sempre questi accordi, perché insiste nel voler controllare la Libia come un dittatore.      

Anche la sua candidatura alle elezioni era solo una copertura. Queste sarebbero state le ultime elezioni prima che lui stabilisse la sua dittatura. Cosa è successo alle elezioni? Il parlamento ha prodotto leggi imperfette su misura per la vittoria di Haftar. Aveva intenzione di falsificare le elezioni e poi installarsi come dittatore.      

Ma la candidatura di altri, come Saif al-Islam Gheddafi e Abdul Hamid Dbeibeh lo hanno sorpreso. Così essendosi reso conto che non avrebbe vinto le elezioni, si è mosso per rinviarle.     

"LA LOTTA È TRA DEMOCRAZIA E DITTATURA" 

Oltre a questo, ci sono molte ragioni per il rinvio. Una di queste è che il parlamento non vuole le elezioni per se stesso; vogliono solo le elezioni presidenziali. E ora abbiamo una situazione caotica. Adesso si parla di un'altra data per le elezioni, ma questo non accadrà mai perché le ragioni del rinvio sono ancora lì".

Per il dottor Issa, la lotta principale in Libia è tra democrazia e dittatura. A tal proposito ha dichiarato:     

"La lotta in Libia si svolge tra la dittatura e la democrazia. E noi vorremmo costruire un paese come la Turchia, vorremmo raggiungere uno sviluppo come la Turchia, e vorremmo imparare dalla democrazia turca. La Turchia è in realtà l'unico paese che può venire ad aiutarci a stabilizzare la Libia, quindi chiediamo anche una relazione strategica a lungo termine tra Turchia e Libia".

ÖZÜLKER: NECESSARIO IL DIALOGO INTER-LIBICO

L'ambasciatore turco in pensione Özülker, che ha anche servito a Tripoli, ha riassunto la problematica in Libia in tre punti: "In primo luogo, il presidente francese di allora, Nicolas Sarkozy ha giocato un ruolo importante nell'emergere del conflitto libico nel 2011. E la Francia sta scegliendo ancora oggi la parte sbagliata sostenendo Haftar. In secondo luogo, Haftar è una persona istruita e preparata dalla CIA, è un membro dell'intelligence nordamericana. L'embargo degli statunitensi ha avuto un effetto devastante sulla Libia. La primavera araba degli Stati Uniti, parte del Progetto Grande Medio Oriente, si è trasformata rapidamente in un inverno arabo. In terzo luogo, le Nazioni Unite non sono riuscite a risolvere il conflitto libico, e non stanno aiutando affatto a trovare una soluzione".

Özülker ha sottolineato che una soluzione per il conflitto può emergere solo dall'interno della Libia: "Non c'è altra opzione che sedersi insieme al tavolo e portare avanti un dialogo. Solo il compromesso interno risolverà i problemi".

L'ambasciatore in pensione ha anche sottolineato l'importanza della cooperazione turco-russa, proponendo un'azione congiunta a Idlib in Siria. Ha anche sottolineato il successo del processo di Astana e la recente cooperazione nel Caucaso meridionale. 

IL DIALOGO DELLA TURCHIA CON LA RUSSIA AIUTERA' ULTERIORMENTE A RISOLVERE I PROBLEMI

Mentre gli oratori libici criticavano la Russia a causa delle attività di Wagner, Özülker ha dichiarato che la diplomazia tra Ankara e Mosca ha portato Wagner a fermare completamente le sue attività contro Tripoli. 

"Il dialogo che abbiamo con la Russia ci aiuterebbe ad andare più lontano nella risoluzione dei problemi della regione", ha detto.

Özülker ha anche menzionato che il Mar Nero e il Mediterraneo hanno un destino comune, dove i paesi costieri devono agire insieme per proteggere la pace e la stabilità ed evitare interventi esterni.

Özülker ha anche affermato che la Turchia ha commesso alcuni errori nella politica verso l'Egitto, ma che Ankara ha imboccato recentemente un percorso volto a correggere questi errori.

DR. YAYCI: "ACCORDO TURCO-EGIZIANO FORNIREBBE BENESSERE ALLA LIBIA"

L'ex Capo di Stato Maggiore delle forze navali turche, il dottor Yayci ha descritto l'influenza turca nella storia della Libia a livello militare e politico e ha fornito l'esempio di Mustafa Kemal Atatürk. Ha concordato con Özülker sul ruolo negativo delle Nazioni Unite nel conflitto, sottolineando che le elezioni non avrebbero fornito risultati corretti. 

Come Yayci, tutti i partecipanti erano d'accordo sui troppi candidati alle elezioni. Yayci era d'accordo anche con il dottor Issa riguardo alla data delle elezioni: "I libici non hanno determinato la data delle elezioni in Libia. Sono stati gli occidentali a voler far eleggere un nuovo dittatore per il paese", ha detto. 

Il dottor Yayci, che recentemente ha visitato l'Egitto su "iniziativa personale e su invito", dove ha incontrato i rappresentanti di vari think tank, ha sottolineato che la Turchia e l'Egitto hanno un rapporto molto più profondo dell'amicizia. Ha spiegato le radici comuni di entrambi i paesi e le popolazioni con esempi storici. 

Il dottor Yayci ha spiegato che un accordo di delimitazione dei confini marittimi turco-egiziani sarebbe vantaggioso per il Cairo, che guadagnerebbe 22 mila km2. Nel caso di un tale accordo, solo la Grecia e Cipro Sud, che agiscono per conto degli Stati Uniti e dell'Unione Europea, perderebbero, ha detto il dottor Yayci. Il suo sottolineare che "un accordo turco-egiziano fornirebbe benessere alla Libia" ha richiamato l'attenzione. 

Parlando della sua recente visita in Egitto e dei suoi incontri lì, il dottor Yayci ha detto quanto segue: "Quando ho spiegato alle mie controparti che l'Egitto avrebbe guadagnato 22 mila km2 in caso di accordo con la Turchia, sono rimasti molto sorpresi".

Il dottor Yayci ha sottolineato che il memorandum d'intesa turco-libico sulla delimitazione dei confini marittimi non era in alcun modo espansionistico o neo-ottomano. 

Il dottor Yayci ha anche sostenuto i recenti contatti tra Ankara e le forze politiche nell'est della Libia. Ha proposto di svilupparli ulteriormente riaprendo l'ambasciata turca a Bengasi, avviando voli diretti e iniziando a offrire servizi di visto. 

DR. MAHMUD: "LA DATA DELLE ELEZIONI DEL 24 DICEMBRE NON È STATA SCELTA DAI LIBICI MA DALLE SUPERPOTENZE CHE VOGLIONO L’ELEZIONE DI UN DITTATORE"

L'ex ministro libico della Pianificazione, Dr. Mahmud ha concluso le presentazioni. Ha dichiarato:

"I libici non hanno scelto la data delle elezioni del 24 dicembre, altri l'hanno decisa. Alcune superpotenze, come gli Stati Uniti e la Francia avrebbero voluto vedere un nuovo dittatore quel giorno in Libia, perché a loro non interessa la Libia. Quello che a loro interessa qui sono tre cose: il terrorismo, l'immigrazione legale e l'energia e la posizione. Ma non pensano alla democrazia in Libia.     

Nel 2011, il presidente francese Nicolas Sarkozy ha fatto una questione personale di animosità verso Muammar Gheddafi e ha commesso degli errori. E la Francia continua a commettere errori sostenendo Haftar e creando problemi.        

L'unica potenza dalla nostra parte è la Turchia, ecco perché stiamo cercando di stabilire un piano per relazioni durature con la Turchia".

DELEGAZIONE DELLA LIBIA ORIENTALE AD ANKARA "POSITIVA"

Il dottor Mahmud ha commentato la recente visita di una delegazione della Libia orientale ad Ankara come segue:     

"La recente visita di una delegazione della Camera dei Rappresentanti dell'Est in Turchia è stata positiva, anche se dobbiamo leggere tra le righe perché la parte orientale è ancora controllata da poteri esterni, come l'Egitto e gli Emirati. 

Tuttavia, anche le relazioni tra Turchia ed Egitto stanno migliorando, cosa che ci rende felici, perché se la Turchia e l'Egitto diventano amici, questo è un bene anche per i libici. Ma dobbiamo stare attenti, perché Haftar ha ancora fame di potere. Tutti sanno che era un agente della CIA. 

Abbiamo visto nel conflitto siriano e libico che la Russia e la Turchia sono diventati, non possiamo dire alleati, ma paesi molto importanti, la cui voce è ascoltata dalle altre nazioni. Questo perché la politica tra Erdogan e Putin ha avuto successo in molti ambiti”.

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra