Yemen: l'Onu inserisce il Movimento Ansarollah nella lista nera

Yemen: l'Onu inserisce il Movimento Ansarollah nella lista nera

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le autorità yemenite hanno condannato la decisione delle Nazioni Unite di inserire nella lista nera il Movimento Ansarollah, sottolineando che si preoccupa più dei soldi di Riad che del sangue dei bambini.

Le Nazioni Unite hanno annunciato ieri di aver deciso di includere il movimento popolare yemenita Ansarollah nella sua lista nera, con il pretesto di una presunta violazione dei diritti dei bambini. Le autorità yemenite hanno reagito a questa misura con una dichiarazione forte.

In questo senso, Abdulqader al-Mortada, capo del Comitato nazionale per gli affari dei prigionieri (NCPA) del governo yemenita di salvezza nazionale, ha criticato lo stesso giorno, tramite messaggi su Twitter, tale decisione, pubblicando alcune immagini delle uccisioni di bambini yemeniti commesse dalla coalizione d'invasione, a guida saudita, durante i sei anni di aggressione.

 

"I paesi aggressori hanno commesso migliaia di crimini contro i bambini yemeniti durante più di sei anni di guerra, ma l'ONU e il suo segretario generale [Antonio Guterres] hanno chiuso un occhio su questi crimini e hanno preferito il denaro saudita", ha lamentato.

Nonostante lo Yemen abbia consegnato i bambini soldato- che erano stati reclutati dai paesi aggressori per essere utilizzati sui campi di battaglia - al Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (UNICEF), per liberarli, l'ONU ignora tutto ciò perché i soldi di il regno arabo e degli Emirati Arabi Uniti (EAU) sono per loro più importanti del sangue dei bambini yemeniti, ha denunciato il rappresentante yemenita.

L'ONU e Guterres non hanno preso provvedimenti per i bambini uccisi dagli aggressori

Nello stesso social network, il presidente del Comitato rivoluzionario supremo dello Yemen, Mohamad Ali al-Houthi, ha ricordato, ieri, che migliaia di persone e bambini hanno perso la vita a causa dell'aggressione di Stati Uniti, Regno Unito, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e i suoi alleati, e hanno osservato che "né le Nazioni Unite né Guterres hanno intrapreso alcuna azione" per queste vittime.

Allo stesso modo, ha assicurato che questa decisione non si basa sugli eventi che si verificano sul campo di battaglia, né sui rapporti di comitati indipendenti, ma si basa su un ricatto che mira alla rielezione di Guterres a segretario generale dell'ONU, oltre ad alludere alla decisione dell'ex segretario generale dell'entità mondiale Ban Ki-moon di rimuovere Riad dalla lista degli assassini di bambini.

Su questa linea, Al-Houthi ha indicato che Sanaa risponderà all'azione del Segretario Generale delle Nazioni Unite con una manifestazione alla quale parteciperanno bambini yemeniti per denunciare i crimini commessi dalla coalizione saudita durante i sei anni di aggressione contro la loro nazione.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden di Marinella Mondaini Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Il "nuovo" governo dei migliori e il vincolo esterno di Gilberto Trombetta Il "nuovo" governo dei migliori e il vincolo esterno

Il "nuovo" governo dei migliori e il vincolo esterno

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra