Yemen, Marib liberata dagli Houthi. Altro fallimento di Arabia Saudita e Occidente

Yemen, Marib liberata dagli Houthi. Altro fallimento di Arabia Saudita e Occidente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le forze Houthi e le milizie alleate hanno preso il controllo dell'area strategica delle montagne di al-Fuqara, l'ultima roccaforte delle forze filo-saudite nella provincia meridionale di Marib, in pesanti combattimenti. Lo hanno riferito i media vicini alla causa Houthi.

Secondo il rapporto, le forze Houthi hanno anche compiuto progressi significativi nelle province di Sanaa e Shabwa.

Situata nel cuore dello Yemen centrale, la città di Marib è vista come un primo premio strategico da entrambe le parti, con gli Houthi che la considerano l'ultima roccaforte delle forze governative sostenute dai sauditi nel nord dello Yemen. La città ospita anche centinaia di migliaia di profughi civili sfollati e l'intensificarsi dei combattimenti nella regione ha suscitato timori nella comunità internazionale riguardo al loro destino. Non ci hanno pensato, naturalmente, quando hanno appoggiato l'aggressione dell'Arabia Saudita nel 2015.

Dopo sanguinosi scontri tra le due parti, l'esercito yemenita è riuscito a prendere il controllo della strategica della collina di Al-Faqara, considerata l'ultima roccaforte della coalizione nel distretto di Numan, situata nel sud Marib, secondo il sito web Ypagency.net , citando locali fonti.

Le forze armate yemenite hanno anche ripreso il controllo di diverse aree strategiche nel distretto di Nati, e sono avanzate verso posizioni di forze fedeli a Riad tra le città di Bayhan e Al-Ain, entrambe nello Shabwa.

Fonti hanno inoltre confermato che l'esercito e i comitati popolari hanno liberati i passaggi vitali di Hebta e Sabbaq, nonché il sito strategico di Al-Shabaka, tutti situati a Shabwa.

Le nuove vittorie arrivano giorni dopo che le forze yemenite hanno preso il controlo di una collina strategica ricca di petrolio su Shabwa, costringendo i miliziani mercenari sauditi a ritirarsi da Aqabat Malih.

Nei giorni scorsi, l' Arabia Saudita e i suoi alleati hanno subito gravi battute d'arresto, nonché attacchi di rappresaglia, da parte delle forze yemenite, stanche della brutale campagna lanciata contro di loro nel marzo 2015, quando la monarchia araba iniziò a distruggere il loro paese al fine di ripristinare al potere il fuggitivo presidente yemenita Abdu Rabu Mansur Hadi.

Tuttavia, il nemico non è stato in grado di materializzare questo obiettivo nonostante il vasto sostegno che riceve dall'Occidente, guidato dagli Stati Uniti, e l'embargo che è stato imposto al paese arabo impoverito dall'inizio della guerra con il pretesto di interrompere la fornitura di armi all'esercito yemenita e ad Ansarollah.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti