Chi sono i veri beneficiari della manovra di Draghi?

Chi sono i veri beneficiari della manovra di Draghi?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 Ammesso che quella proposta da Draghi sia davvero una misura espansiva (prevedo che la gente comune non se ne accorgerà), forse (!) sarebbe il caso di riflettere sui veri destinatari dei benefici economici implementati dal governo e, soprattutto, sulle ricadute distributive e dunque democratiche delle iniziative disegnate.

Democratiche perché concentrare le risorse nelle mani di alcuni attori consentirà a questi di adoperarle per incidere nei processi democratici.

Ad ogni modo, l'abbattimento del costo del lavoro viene sempre presentato come una misura pro-labour, ma è davvero così? Esattamente come gli incentivi alle assunzioni che spesso vengono pompati nel mercato del lavoro per drogarlo. In questo Renzi è stato ineguagliabile in occasione del suo Jobs Act.

E questo ultimo elemento dovrebbe insospettirci: vi pare un tipo che ha a cuore le esigenze dei lavoratori?

Spesso questo fiume di risorse, che nel nostro modello di politica economica provengono esclusivamente dallo sforzo della collettività, viene riversato nelle casse dei grandi gruppi multinazionali con effetti redistributivi tutt'altro che progressivi (il mio solito feticismo costituzionale).

Parliamo di grandi gruppi che in molti casi avrebbero comunque assunto. Chi è dunque il reale beneficiario?

Non sarebbe meglio aiutare la piccola e media imprenditoria? Quantomeno riservare i benefici solo alle aziende in difficoltà economica? Versare direttamente in busta paga?

Non basta fermarsi ad osservare l'iniezione delle risorse: tocca capire chi se le mangia e se è giusto che lo faccia.

Savino Balzano

Savino Balzano

Savino Balzano, nato a Cerignola nel 1987, ha studiato Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Perugia. Autore di "Contro lo Smart Working" (Laterza, 2021) e di "Pretendi il Lavoro! L'alienazione ai tempi degli algoritmi" (GOG, 2019). Sindacalista, si occupa di diritto del lavoro, collabora con diverse riviste.

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente