Cuba, da Saviano al senatore Usa Ted Cruz, la propaganda finisce in farsa?

Cuba, da Saviano al senatore Usa Ted Cruz, la propaganda finisce in farsa?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ci sarebbe da ridere se non fosse in atto un tentativo di attacco contro Cuba socialista che potrebbe sfociare in una guerra come abbiamo visto negli ultimi 30 anni in Iraq, Jugoslavia Afghanistan, Libia, Siria

Però, allo stesso tempo, siamo ormai al ridicolo della propaganda. Una volta per smascherare le fake news ci voleva più impegno, invece siamo di fronte ad errori grossolani.

Dopo Saviano e la sua figuraccia nell'attaccare Cuba con l'immagine di Betty Pairol, fatta passare per un'oppositrice al governo cubano, da oltreoceano, già c'era un precedente, ovvero quello del Senatore statunitense Ted Cruz.

Infatti, Cruz ha elogiato il coraggio dei manifestanti anti-governativi a Cuba su Fox News martedì scorso, non sapendo che l'emittente stava mostrando filmati di una manifestazione pro-governativa a L'Avana mentre lui "allietava" il pubblico con le sue osservazioni.

Dopo che gli oppositori del governo cubano hanno organizzato proteste la scorsa settimana, negli Stati Uniti è diventata notizia di apertura sui vari TG e trasmissioni televisive.

Il senatore texano Ted Cruz, che proviene da una famiglia di rifugiati cubani e annovera tra i suoi sostenitori molti esuli dell'isola caraibica che provengono dalla Florida, ha fatto ricorso alla bieca retorica sui mali del comunismo fino ad accusare alcuni esponenti dei democratici, i quali avevano denunciato come gli Stati Uniti fossero responsabili delle difficoltà del popolo cubano mantenendo l'embargo da 60 anni.

La sua apparizione di martedì scorso su Fox News, tuttavia, però h trovato un piccolo dettaglio che è passato in gran parte inosservato.

Mentre parlava di "brutale oppressione" da parte del governo cubano e salutava i manifestanti, il filmato mostrato dalla Tv mostrava una manifestazione dei sostenitori del governo cubano. Apparentemente Fox News sapeva esattamente cosa stava trasmettendo, poiché è stata attenta a offuscare gli slogan che alcuni degli attivisti stavano scandendo.

 

Alcuni spettatori attenti hanno colto l'incongruenza. Lo stesso filmato – ma con gli slogan ben visibili – si può vedere, ad esempio, in un rapporto di Deutsche Welle sulla situazione a Cuba. I manifestanti che dichiarano che "le strade appartengono ai rivoluzionari" probabilmente non sono il tipo di manifestanti cubani che aveva in mente il senatore Cruz.

“Ci sono state proteste antigovernative. Perché state facendo questo? Perché avete fatto di tutto per mentire?"  ha chiesto un utente di TikTok, che ha evidenziato la gaffe di Fox News.

Fox News non è affatto l'unico canale di notizie occidentale a travisare le immagini mostrate nella sua copertura delle proteste cubane. Molti hanno usato una foto di un raduno filo-governativo al monumento Maximo Gomez all'Avana, che è stato erroneamente intitolato da AP come un evento anti-governativo. Fox News è stata tra coloro che hanno usato l'immagine fuorviante, anche in un'altra intervista con Cruz.

Nel frattempo, la CNN ha mostrato una foto di una protesta a Miami, facendola passare per una manifestazione effettivamente avvenuta a Cuba.

Siamo al ridicolo, oppure siamo ad campagna mediatica così spudorata che non considera l'opinione pubblica dal considerare una notizia vera da un'altra falsa.

Una situazione che non deve avvenire, è doverosa un'informazione obiettiva e professionale. Anzi, bisogna pretenderla.

 

Angelo Brunetti

Angelo Brunetti

Potrebbe anche interessarti

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti