Hezbollah avverte gli USA: "Il tempo è limitato per raggiungere un accordo marittimo con Israele"

Hezbollah avverte gli USA: "Il tempo è limitato per raggiungere un accordo marittimo con Israele"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il mediterraneo orientale sembra essere pronto a tornare un campo di battaglia tra Israele e l’Asse della Resistenza. La questione delle acque contese tra Libano e Israele con la susseguente estrazione di idrocarburi che dovrebbero supplire al blocco del gas russo dell’occidente, diventa sempre più esplosiva.

Tra l’altro, come si potrebbe arrivare ad un accordo se a mediare tra Beirut e Tal Aviv ci sono gli Stati Uniti d’America?

Intanto, proprio ieri, durante un discorso tenuto per commemorare la quinta notte dell'Ashura, il leader della resistenza libanese, Sayyed Hassan Nasrallah, ha affermato che c'è poco tempo per raggiungere una giusta soluzione nella disputa in corso sulla demarcazione del confine marittimo tra Beirut e Tel Aviv, ma che Hezbollah lo farà aspetta e guarderà come si sviluppano le cose.

"Daremo un po' di tempo al file di demarcazione del confine, per vedere dove andranno le cose", ha detto Nasrallah, aggiungendo, tuttavia, che "il tempo è poco e, alla luce della risposta, agiremo".

“Gli [USA] devono prestare attenzione... al tempo. La posizione della resistenza e la questione dello stato sulla demarcazione del confine sono allineate”, ha proseguito, ribadendo l'appello di Hezbollah e del governo libanese per porre fine alla procrastinazione israeliana in materia.

Il mese scorso, Nasrallah ha concesso alle autorità libanesi un termine di sei settimane per garantire i diritti del Libano sulle loro risorse naturali e ha sottolineato che la situazione peggiorerà se non si raggiunge una soluzione entro settembre.

Durante il discorso, il leader della resistenza ha fatto riferimento all'accordo sponsorizzato dagli Stati Uniti per importare gas in Libano attraverso la Giordania e la Siria come una falsa promessa e ha chiesto perché gli alleati libanesi degli stati del Golfo non hanno chiesto a Riadh o Abu Dhabi di fornire petrolio al Paese.

L'accordo sul gas sponsorizzato dagli Stati Uniti, che è arrivato subito dopo che Hezbollah ha cercato di importare carburante iraniano nel paese lo scorso anno, non si è concretizzato a causa del rifiuto degli Stati Uniti di fornire alle società coinvolte un'esenzione dalle sanzioni per eludere le ripercussioni del Caesar Act.

Il Caesar Act, approvato nel 2019 dal Congresso degli Stati Uniti, ha imposto dure sanzioni alla Siria e attualmente vieta ai paesi di cooperare o commerciare con il governo di Damasco.

Nonostante l'attuale stallo nei negoziati, Nasrallah ha spiegato che l'ultimo round di colloqui tra i funzionari libanesi e il mediatore statunitense, Amos Hochstein, è stato più positivo.

Secondo un rapporto israeliano di Channel 12 alla fine del mese scorso, Tel Aviv sta facendo pressioni sugli Stati Uniti per finalizzare un accordo sul confine marittimo prima della scadenza di settembre data da Hezbollah.

Meno di una settimana prima, il primo ministro israeliano ad interim Yair Lapid avrebbe detto al mediatore statunitense Amos Hochstein che spera di raggiungere un accordo con il Libano "il prima possibile", per paura che Hezbollah intensificherà le sue operazioni contro Israele.

La preoccupazione arriva alla luce della recente operazione di droni di Hezbollah nel giacimento di gas di Karish.

Il 31 luglio, il dipartimento dei media militari di Hezbollah ha pubblicato un video di filmati di droni che mostrano le navi di perforazione del gas di stanza vicino al campo. Il video includeva le coordinate esatte di ogni piattaforma di estrazione e la loro distanza dalle coste libanesi, servendo a ricordare a Israele che il gruppo di resistenza è pronto a garantire i diritti del Libano attraverso la forza militare.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti