Il Mali denuncia le osservazioni "odiose, profondamente razziste" di Macron

Il Mali denuncia le osservazioni "odiose, profondamente razziste" di Macron

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il governo maliano di transizione ha chiesto, oggi, al presidente francese Emmanuel Macron di rcambiare la sua postura "neocoloniale, paternalistica e condiscendente" sul Mali per capire che nessuno può amare il Mali più dello stesso popolo maliano.

In una dichiarazione letta dal ministro dell'amministrazione territoriale e del decentramento, il portavoce del governo di transizione Bamako ha affermato di aver appreso "con profonda indignazione" delle dichiarazioni rese da Macron in merito ai presunti legami delle autorità con mercenari e gruppi paramilitari, definite "odiose" e profondamente razziste”.

Le dichiarazioni del presidente francese sono arrivate durante il suo tour in Africa, in particolare in Guinea-Bissau, il 28 luglio scorso.

Durante il suo tour Macron visitato tre paesi africani e la sua prima tappa è stata in Camerun, da dove ha definito ironicamente la Francia "amica dell'Africa ", promettendo che il suo paese avrebbe "fatto di tutto affinché... questo formato (di influenza russa) non si diffonde troppo" perché non crede che sia una cosa buona. "Particolarmente penso che non sia un bene per le persone."

La delegazione di Macron sta cercando di investire nei settori agricoli dei paesi per continuare a fare soldi attraverso l'Africa, il continente che ha portato Parigi dove è oggi attraverso l'imperialismo e il colonialismo.

Il governo maliano ha invitato Macron a ricordare la complicità e il ruolo negativo della Francia nel genocidio dei tutsi in Ruanda.

Macron "ha ribadito accuse errate affermando che le autorità maliane intrattengono rapporti con un gruppo paramilitare senza nemmeno fornire alcuna prova nonostante la smentita [di Bamako]. Peggio, ha evocato in queste osservazioni l'esercizio della violenza da parte delle autorità maliane, dando vita a uno specifico gruppo etnico della nostra nazione", si legge nel comunicato.

"Il governo di transizione condanna con il massimo rigore queste osservazioni odiose e diffamatorie del presidente francese e invita la comunità nazionale e internazionale a testimoniare queste accuse che potrebbero promuovere l'odio etnico e minare la convivenza e l'armonia tra i maliani".

Macron ha condannato la "violenza sistematica con il pretesto di combattere il terrorismo e prendere di mira il popolo Fulani", accusando le forze maliane di questi atti.

Parigi, durante circa 10 anni della sua presenza militare in Mali, non è riuscita a raggiungere alcun risultato tangibile in termini di sicurezza, instabilità politica ed economica del paese, scatenando ondate di risentimento popolare nei confronti della Francia, portando a due colpi di stato nel paese, il l'ultimo dei quali si è svolto a maggio 2021.

La giunta in Mali ha deciso di ritirare tutti i trattati di difesa con la Francia, adducendo "flagranti abusi" della sovranità nazionale.

Parigi non possiede più le basi legali per svolgere operazioni militari in Mali dopo che la nazione dell'Africa occidentale si è ritirata dagli accordi di difesa con la Francia, ha ricordato il governo maliano.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti