Israele minaccia l'Iran e Hezbollah con una "risposta dolorosa"

Israele minaccia l'Iran e Hezbollah con una "risposta dolorosa"

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Il valzer delle minacce è iniziato con il primo ministro del regime israeliano Benjamin Netanyahu contro Iran e Libano, poi lo ha seguito il ministro della sicurezza Benny Gantz avvertendo che "se le minacce degli Hezbollah libanesi si trasformeranno in azioni, il risultato sarà doloroso". Le dichiarazioni di Gantz sono arrivate durante un tour della 91a Divisione Militare (Divisione Galilea), secondo il sito web "Arab 48", dove Gantz ha condotto una valutazione della situazione al confine con il Libano.

Gantz ha incontrato i capi delle autorità di frontiera locali e alla fine della riunione ha dichiarato: "Ho appena terminato una valutazione della situazione nella divisione Galilea, che sorveglia i confini più sensibili di Israele in questi giorni. E se le minacce di Nasrallah e Hezbollah si trasformano in azioni, il risultato sarà doloroso per Hezbollah e la sua leadership, e purtroppo anche per i cittadini del Libano "che vengono usati da Hezbollah come scudo umano quando nascondono sotto le loro case una scorta di armi e missili". Questa è la seconda minaccia che Gantz fa in risposta alle dichiarazioni del Segretario generale di 'Hezbollah, Hassan Nasrallah, il quale aveva ricordtao che il fronte interno israeliano dovrà affrontare nella prossima guerra ciò che non conosceva dai tempi dell'istituzione di Israele

Nasrallah, aveva inviato un messaggio al capo di stato maggiore dell'esercito israeliano , generale Aviv Kochavi, in occasione dell '"anniversario dei leader martiri", sottolineando che il partito non sta cercando lo scontro o la guerra, ma se gli viene imposto, in sostanza, non si tirerà indietro. "Se bombarderai una città, bombarderemo una città, e se bombarderai villaggi, bombarderemo gli insediamenti", aveva avvertito Nasrallah.

A sua volta, Netanyahu ha lanciato minacce all'Iran, dicendo che "non tollereremo un posizionamento militare iraniano in Siria volto a esporci al pericolo, e non scenderemo a compromessi sullo sviluppo di missili ad alta precisione in Siria e Libano. C'è chi minaccia di pagare un prezzo doloroso nel contesto di uno scontro. Se realizzanoo queste minacce, la nostra risposta sarà decisiva. Decine di volte ".

Oggi Netanyahu ha accennato alla decisione dell'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di tornare ai negoziati con l'Iran sull'accordo nucleare e ha ritenuto che "non riponiamo le nostre speranze su alcun accordo con un regime estremista come il regime iraniano. Abbiamo visto la qualità di questi accordi attraverso l'accordo con la Corea del Nord ". Con o senza un accordo, faremo tutto ciò che è in nostro potere per garantire che l'Iran non si doti di armi nucleari".

Israele con le sue testate nucleari può tranquillamente farlo, invece.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi di Francesco Erspamer  Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Che cosa significa affidare il Recovery Plan a McKinsey di Giuseppe Masala Che cosa significa affidare il Recovery Plan a McKinsey

Che cosa significa affidare il Recovery Plan a McKinsey

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti