L'importanza dell'accordo sul piano d'azione congiunto CELAC-Cina

L'importanza dell'accordo sul piano d'azione congiunto CELAC-Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Questa è la versione in italiano di un articolo del professor Alberto Anaya Gutiérrez, membro della Camera dei Deputati del Messico nel Congresso dell'Unione e Presidente del Partito del Lavoro, pubblicato in inglese su United World International.

La CELAC ha firmato l'accordo con la Cina il 9 dicembre 2021, quando la presidenza di turno era del Messico. Il Partito del Lavoro è parte della coalizione governativa che sostiene il presidente Andrés Manuel López Obrador

------------------

La Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (CELAC) ha dimostrato l'importanza di mantenere la cooperazione internazionale per lo scambio di esperienze, per articolare politiche e pratiche per ridurre la povertà e promuovere lo sviluppo a beneficio della popolazione latinoamericana.

Come Partito del Lavoro del Messico, impegnato nella Quarta Trasformazione, crediamo che in questo momento, su scala globale, la cooperazione dell'America Latina e dei Caraibi con la Repubblica Popolare Cinese sia molto importante, soprattutto in considerazione del fatto che siamo una delle regioni più colpite dalla pandemia Covid-19 e dalla conseguente disuguaglianza economica.

Ricordiamo che i progetti d'integrazione internazionale cercano di fornire ai paesi membri migliori condizioni competitive e forza nell'arena internazionale per lo sviluppo delle proprie economie, migliorando le loro capacità e ampliando le loro opportunità.

L'integrazione regionale può anche aiutare le nazioni ad esercitare il protezionismo attraverso l'uso di misure come l'istituzione di regole di origine adattate nei sistemi di regionalismo aperto, che è caratterizzato da aperture economiche su larga scala che permettono lo sviluppo di una componente regionale preferenziale, in particolare quando si cerca di creare economie di scala.

A tal fine, la Cina e gli Stati membri della Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi hanno firmato il Piano d'azione congiunta per la cooperazione in settori chiave (2022-2024), aprendo nuove possibilità entusiasmanti per entrambe le parti.

Il documento firmato riguarda la cooperazione politica e di sicurezza in cui entrambe le parti si impegnano a rafforzare i contatti ad alto livello e gli incontri tra i loro leader e rappresentanti, suggerendo anche che un vertice del Forum Cina-CELAC potrebbe essere tenuto nel 2024.

In un momento di tensioni geopolitiche globali che mettono in pericolo la pace, è rassicurante che la firma di questo accordo ci aiuterà a lavorare insieme per facilitare l'attuazione della risoluzione 1540 delle Nazioni Unite al fine di "far progredire efficacemente il disarmo e la non proliferazione delle armi di distruzione di massa". L'accordo favorirà anche la cooperazione nella lotta contro tutte le forme di terrorismo e le manifestazioni del crimine organizzato transnazionale, compreso il traffico illecito di armi, il riciclaggio di denaro e la criminalità informatica.

D'altra parte, come parte del processo di recupero economico post-pandemico, la Cina e la CELAC cercheranno di rafforzare gli scambi tra le entità di promozione degli investimenti e le associazioni commerciali, nonché di promuovere la cooperazione pragmatica tra le imprese.

La Cina ha promesso di fornire "supporto chiave" a progetti strategici che favoriscono lo sviluppo economico e sociale sostenibile di queste nazioni, specialmente quello dei piccoli Stati insulari in via di sviluppo, degli Stati costieri a bassa quota e dei paesi dell'istmo centroamericano.

L'accordo firmato afferma che le parti aspirano ad espandere la cooperazione agricola bilaterale e multilaterale, rafforzare gli scambi scientifici, tecnologici e accademici, e migliorare gli scambi e la cooperazione intorno all'uso civile pacifico dell'energia nucleare e della tecnologia per promuovere lo sviluppo economico e il benessere dei popoli, nonché per affrontare le sfide presentate dal cambiamento climatico.

A questo proposito, i firmatari hanno concordato di aumentare la cooperazione in infrastrutture digitali, apparecchiature di telecomunicazione, 5G, big data, cloud computing, intelligenza artificiale, Internet delle cose e città intelligenti, tra le altre questioni, oltre alla costruzione di laboratori comuni.

D'altra parte, si impegnano a rafforzare gli scambi e la cooperazione nel settore aerospaziale, dell'aviazione civile, delle politiche pubbliche nel settore dell'energia e delle sue risorse, del turismo, dei trasporti e della protezione ambientale. Hanno anche concordato di intensificare il dialogo sulle politiche di salute pubblica, approfondire la solidarietà e la cooperazione riguardo alla pandemia di Covid-19, lavorare per sradicare la povertà, promuovere l'apprendimento reciproco delle civiltà della Cina e degli Stati che compongono la CELAC, e preservare la diversità culturale.

Infine, la Cina e la CELAC assicurano il loro impegno per l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile con l'obiettivo di raggiungere un "percorso di sviluppo globale più solido, più verde e più equilibrato che assicuri che nessuno sia lasciato indietro".

La firma dell'accordo conferma che la relazione CELAC-Cina sarà sviluppata per soddisfare i bisogni regionali più urgenti e le sfide per lo sviluppo e promuovere la cooperazione regionale su questioni settoriali come il recupero economico post-pandemico e la strategia sanitaria regionale contro la Covid-19. Dovrebbe essere chiaro che è del tutto legittimo per i paesi latinoamericani cercare di migliorare le loro relazioni con la Cina e promuovere il commercio con l'Asia come forma di diversificazione.

Per quanto riguarda la crescita della presenza cinese in America Latina, ricordiamo che dalla sua fondazione nel 2014, il Forum Cina-CELAC ha favorito gli obiettivi di integrazione strategica in questa regione, ed è uno dei pochi forum di integrazione con un'ampia visione geopolitica, garantendo una cooperazione regionale senza intoppi, mentre eleva la relazione della CELAC con la Cina. Ha permesso alla potenza asiatica di comprendere meglio il nostro continente, che è molto eterogeneo, sia da un punto di vista economico e politico-ideologico, sia da un punto di vista sociale e culturale, e anche alcuni governi inizialmente scettici sono arrivati a partecipare pienamente alla collaborazione.

In questa relazione reciproca, che non potrà che approfondirsi dopo la firma degli accordi, entrambi gli attori ne beneficiano: la Cina è un importante attore internazionale interessato a promuovere nuovi spazi di cooperazione e la CELAC considera la Cina un'economia fiorente, un fornitore di produzione e una risorsa per i trasferimenti di tecnologia. Per la regione CELAC, la Cina è stata una potente fonte di investimenti esteri, la seconda più importante al mondo all'inizio del 2022.

La leadership del presidente cinese Xi Jinping deve essere evidenziata per quanto riguarda le relazioni della Cina con l'America Latina e i Caraibi. Xi ha dimostrato la volontà politica della leadership cinese di stabilire nuove sedi di relazioni internazionali come la Comunità umana dal futuro condiviso e l'iniziativa Belt and Road.

La firma dell'accordo Cina-CELAC ha lo scopo di consolidare benefiche alleanze a lungo termine che vanno ben oltre le relazioni commerciali, giocando un ruolo fondamentale nel rafforzamento del multilateralismo, soprattutto per il fatto che la Cina non ha pretese egemoniche, e sta invece cercando di promuovere la pace internazionale attraverso meccanismi di cooperazione. La CELAC, a sua volta, deve sforzarsi di lavorare in modo coordinato, consolidando l'area CELAC in una piattaforma intergovernativa capace di lavorare insieme su progetti di collaborazione su larga scala.

Ci sono alcune statistiche promettenti che mostrano i frutti di questi sforzi: nei primi sei mesi del 2021, le esportazioni peruviane verso la Cina hanno totalizzato 8.441 milioni di dollari, con un aumento del 94,7% rispetto allo stesso periodo del 2020. Alla fine del 2020, l'interscambio commerciale tra la Cina e l'America Latina era di 305 miliardi di dollari, che rappresentava un aumento del 18% rispetto al 2015, quando si è tenuta la prima riunione ministeriale del Forum. Tuttavia, nella prima metà del 2021, il volume degli scambi è stato di 203 miliardi di dollari, il 45,6% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, secondo le statistiche pubblicate dall'Amministrazione generale delle dogane cinesi. Per quanto riguarda gli investimenti, lo stock cinese in Sudamerica tra il 2005 e il 2021 è stato di 180 miliardi di dollari, il Brasile è il maggior beneficiario con circa 70 miliardi di dollari seguito dal Perù con 30 miliardi di dollari.

Vale la pena prendere in considerazione le parole del presidente Xi Jinping sull'argomento: "La storia ci ha insegnato che la strada giusta per l'umanità è quella della pace e dello sviluppo, dell'equità e della giustizia, e della cooperazione per mutui benefici". Essendo paesi in via di sviluppo, la Cina e i paesi dell'America Latina e dei Caraibi sono partner di cooperazione globale di uguaglianza, beneficio reciproco e sviluppo comune, e siamo strettamente legati dall'aspirazione condivisa di perseguire l'indipendenza, lo sviluppo e il rinvigorimento".

La Cina attribuisce grande importanza allo sviluppo delle relazioni con la CELAC, e la sostiene in coordinamento con i paesi della regione per promuovere la cooperazione e affrontare le sfide globali. Il presidente Xi ha anche offerto i suoi pensieri sul potenziale di questo partenariato: "Stiamo per plasmare un nuovo piano generale per la costruzione congiunta della Belt and Road e forgiare un percorso di cooperazione transpacifica con l'obiettivo di collegare e rafforzare ulteriormente le nostre terre fertili in Cina e in America Latina e nei Caraibi, inaugurando una nuova era di relazioni".

Siamo fondamentalmente d'accordo con questo sentimento, e siamo certi che la Quarta Trasformazione sarà all'apice di questo processo di cooperazione internazionale. Questo spirito è stato dimostrato dal Messico quando era a capo della CELAC, ed è stato ribadito quando la presidenza è passata all'Argentina. Siamo sicuri che la CELAC manterrà questa politica d'integrazione interregionale e la creazione di un sistema di sviluppo nel totale rispetto della sovranità nazionale.

 

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra