Trump dichiara lo stato di emergenza. E i media Usa non danno neanche la notizia!

Trump dichiara lo stato di emergenza. E i media Usa non danno neanche la notizia!

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Dopo quanto accaduto al Campidoglio in tanti si domandano come si comporterà il presidente uscente Donald Trump in vista della cerimonia di insediamento del democratico Joe Biden. 

Intanto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato lo stato di emergenza nel Distretto di Columbia e ha ordinato l'assistenza federale alle autorità per garantire la sicurezza dell’insediamento di Joe Biden, rende noto la Casa Bianca in una nota. 

"Oggi, il presidente Donald J. Trump ha dichiarato che esiste un'emergenza nel distretto di Columbia e ha ordinato l'assistenza federale per integrare gli sforzi di risposta del distretto a causa delle condizioni di emergenza risultanti dalla 59a inaugurazione presidenziale dall'11 al 24 gennaio, 2021", si legge nel comunicato.

La dichiarazione di emergenza consentirà alle autorità federali di accelerare l'assegnazione dei fondi per fornire assistenza alla città.

Il 44° presidente degli Stati Uniti Barack Obama non aveva dichiarato lo stato di emergenza prima dell'insediamento di Trump. Di solito, i leader introducono uno stato di emergenza per fornire assistenza nell'affrontare i disastri.

Le autorità statunitensi hanno deciso di iniziare a rafforzare la sicurezza durante l'inaugurazione di Biden nella capitale degli Stati Uniti, sei giorni prima del previsto. Fino al 20 gennaio, tutti gli edifici amministrativi, i negozi e le imprese di ristorazione pubblica vicino alla Casa Bianca e al Congresso saranno chiusi. Il Pentagono ha autorizzato fino a 15.000 soldati della Guardia Nazionale per proteggere Washington D.C.

Il 6 gennaio, sostenitori di Trump hanno preso d'assalto il Campidoglio a Washington DC per impedire ai legislatori di certificare ufficialmente i risultati delle elezioni presidenziali di novembre in un ultimo disperato tentativo di impedire al democratico Joe Biden di diventare il nuovo presidente. Un manifestante è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco durante i disordini. Inoltre, altri tre sono morti, le cause della loro morte sono state qualificate come emergenze mediche. L'inaugurazione di Biden è prevista per il 20 gennaio. La cerimonia sarà ridimensionata a causa della pandemia di coronavirus che impazza negli USA.

Da notare che questa notizia della dichiarazione dello stato di emergenza, dopo i fatti che si sono verificati al Campidoglio lo scorso 6 di gennaio, non trovi spazio nei media statunitensi come evidenzia il grande giurista canadese Christopher Black: «È molto strano che non riesca a trovare spazio la dichiarazione dello stato di emergenza nei media statunitensi (ho controllato NY Times, LA Times, CNN, NPR, non una parola) eppure è riportato dalla stampa russa, cinese ed europea».

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani di Francesco Erspamer  È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo? di Giorgio Cremaschi Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente di Francesco Santoianni Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit di Giuseppe Masala I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti